Oracle lancia la sfida all’innovazione dell’It nelle imprese

Mercato

In apertura dei lavori dell’Oracle PartnerNetwork (OPN) Days, Pierfrancesco Di Giuseppe, country leader dell’Italia, spiega le sfide che saranno affrontate dalla società e con i partner. Occhi puntati al cloud computing

Spinta all’innovazione dell’It nelle aziende. “Nel 2011, ai fini dell’innovazione, è stato speso solo il 14% del budget. Crediamo – spiega Pierfrancesco Di Giuseppe, country leader Oracle Italia che questa cifra possa aumentare anche di dieci punti e ci metteremo al lavoro affinchè possa avvenire questo tipo di trasformazione. L’introduzione di innovazione It nelle aziende avviene, prima di tutto, con l’individuazione di aree, di un modello, di un pilot”.

Sono queste le battute iniziali del country leader di Oracle Italia all’apertura dei lavori dell’edizione 2012 degli Opn Days a Milano.

Di Giuseppe associa il concetto di scarsa innovazione al collo di bottiglia rappresentato dall’It. “L’It è un collo di bottiglia – spiega – perché è focalizzato sulla gestione delle complessità intrinseche delle aziende e meno alla sfida dell’innovazione”. Sono quattro i grandi temi e gli altrettanti trend che aggiungeranno complessità a questa sfida: big datala quantità di dati nelle aziende cresce a livelli esponenziali e le aziende che ne sapranno cogliere lo sviluppo avranno successo. Purtroppo – spiega Di Giuseppe – è una sfida molto grande ma molte aziende non sono preparate a raccogliere. C’è poi il capitolo del mobile computing, sul quale ci stiamo abituando agli strumenti e alle informazioni che circoleranno più velocemente ma non c’è ancora un standardizzazione in corso. Un’altra sfida sarà dettata dall’evoluzione del lavoro e, infine il cloud computing che sta prendendo piede ma le aziende lo sviluppano secondo un concetto sbagliato difficilmente si riuscirà a realizzare una corretta integrazione tra i vecchi e i nuovi sistemi aziendali. Per migliorare questo, abbiamo un Oracle stack completo”.

Su questo fronte, si inserisce la dicharazione di Markus Reischl, senior director partner development and sales leader regional system integrators di Oracle, che precisa come “lo starck completo possa essere utile ai system integrator che potranno integrare best of breed, open, integrazioni verticali e engineered systems” e, come ha sottolineato Paolo Aimaretti, alliances & channels director di Oracle Italia, Reischl ha cavalcato il concetto di “Demand generation e Oracle Database appliance campaign come fattore chiave della strategia Oracle”. Infine tre concetti chiave per i partner Oracle, declinati nella definizione di Partner call to actions. “Per Isv e Ovm si parlerà di leverage innovation, per i system integrator, di leverage specialization e per il canale di leverage engineered systems e vendite attraverso stack”.

Leggi anche:

Oracle estende ai partner gli incentivi dei distributori

Di Giuseppe (Oracle): Cercheremo di interessare le Pmi

Finale a sorpresa all’Oracle OpenWorld: arrivano Cloud e Social Network

 

 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore