Osler (Wildix): penetrazione verso nuovi mercati (anche molto lontani) e un occhio al finanziamento per i partner

Strategie
Stefano Osler, Wildix

Videointervista – Stefano Osler, ceo di Wildix, spiega la strategia di espansione verso i mercati, erosione quote di mercato ai competitor e il supporto ai partner attraverso un accordo con una finanziaria

Wildix sempre più flessibile e pronta ad affrontare nuovi mercati e nuove sfide, anche quella finanziaria. Stefano Osler, ceo di Wildix, spiega come la commercializzazione sia partita dall’Italia, da Trento in particolare, estesa poi alla Francia, poi la Germania e aperto alla Russia e all’Ucraina dove, dal 2005, ha aperto una sede.

Stefano Osler, amministratore delegato Wildix
Stefano Osler, amministratore delegato Wildix 

E, questa penetrazione, ha fatto bene al mercato di Wildix, come ha confermato ai nostri microfoni Osler. Flessibilità, strategie, erosione delle quote di mercato dei grandi player. Vediamo se questo fenomeno è continuato, dall’ultimo annuncio fatto alla convention di Wildix. “Erosione continua e veloce perché i player tradizionali non riescono ad avere un approccio corretto all’unified communications perché non si tratta di vendere solio hardware, si tratta soprattutto di relazioni e avere capacità di business tali per fare relazioni e non è vendendo telefoni, ecc. che si fa unified communications”, spiega Osler.

Wildix ha lanciato nuovi servizi finanziari per i partner appoggiandosi alla finanziaria di General Electric, Ge Capital. “Molti analisti spiegano ai clienti che non è più tempo di acquistare asset ma noleggiarli affinchè possano essere sostituiti o ampliati a seconda delle esigenze. Per questo abbiamo stipulato un accordo con una finanziaria affinchè i partner possano accedere più facilmente e direttamente ai servizi Ge Capital oppure, per i partner più piccoli, esiste la possibilità di appoggiarsi a noi e ricevere risposte attraverso la presentazione di poche pratiche”, conclude Osler.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore