Passepartout: più servizi e una divisione ad hoc per i partner

Strategie

Passepartout propone una gamma di servizi web marketing volti a migliorare la visibilità online del cliente, passando dalla ottimizzazione sui motori di ricerca ai servizi di e advertising sui social network o su Google

Nuovi servizi per coinvolgere sempre di più i partner per ‘agganciare’ i clienti anche sul fronte, per esempio, della costruzione di siti internet,   ai servizi di web marketing, più corsi specializzati, laboratori, nuovo reparto con collaboratori e specialisti ad hoc. Barbara Reffi, amministratore delegato di Passepartout, durante Passwor[l]d 2017 a Riccione, spiega queste novità, sottolineando la disponibilità di risorse dedicate, il cambio di payoff inserendo la dicitura ‘Software e servizi gestionali’, ma invitando anche i partner a sistemare i propri siti internet secondo i dettami di Passepartout.

Barbara Reffi
Barbara Reffi

La società, già da tempo ha trasformato la propria ma gamma di software gestionale modificando le modalità di erogazione e di fruizione dei prodotti attraverso il cloud e guarda al futuro ampliando la propria offerta con una serie di servizi volti a supportare e sviluppare il business dei propri clienti. Oggi, l‘azienda realizza conto terzi siti vetrina e siti e-commerce completamente integrati al gestionale Passepartout utilizzato e sviluppati a partire da un modello o sulla base di specifiche esigenze del cliente.

Oltre al sito, Passepartout propone una gamma di servizi web marketing volti a migliorare la visibilità online del cliente, passando dalla ottimizzazione sui motori di ricerca ai servizi di e advertising sui social network o su Google. Per questo scopo, e come ricordava Reffi, è stata aperta una nuova divisione con competenze specifiche nelle attività di Search Engine Optimization (SEO), campagne advertising su Google tramite Google Adwords e Google Shopping, campagne pubblicitarie sui Social Network e attività di e-mail marketing per la fidelizzazione dell’utente.

Spetta a Stefano Franceschini, presidente della società, salire sul palco e ricordare agli oltre 350 partner iscritti all’evento che oggi va ricercato un concetto di coesione. Passepartout non vuole essere terzista ma trasformarsi con i partner in ‘qualcosa di coeso’. Ed ecco che risuona un campanello d’allarme, quando Franceschini chiede cosa sia il brand.Non è solo un marchio, ma una percezione. Vogliamo fare dei passi che diano al brand la forza di essere tale”. 

Stefano Franceschini
Stefano Franceschini

In occasione di Passwor[l]d 2017, la società ha presentato i progressi del progetto PassStore, l’area di scambio B2B per la raccolta, la qualificazione e la condivisione di tutto il patrimonio applicativo disponibile nell’Ecosistema Passepartout.

PassStore, il modello di sharing economy della Partner Community presentato a Passwor[l]d 2016, vede  43 App pubblicate sullo Store e disponibili per gli utenti: circa 800 App scaricate. L’App di maggior successo fra i clienti è quella legate alle attività di raccolta ordini su smartphone e tablet, al momento disponibile per Android ma presto anche su iOs di Apple.

Consenso e soprattutto grande attesa, poiché attualmente rilasciata solo in versione beta, sta raccogliendo l’App Customer Care per la gestione delle attività sui clienti che permette l’amministrazione delle trattative e l’assistenza nel post vendita. L’App per la gestione dell’Antiriciclaggio si è invece attestata al primo posto come numero di installazioni, soprattutto presso i professionisti che utilizzano il software per commercialisti PassCom. Tutte le App proposte hanno riscosso consensi con installazioni in “doppia cifra”.Logo Passepartout

In lavorazione e molto attesa l’App Analisi Finanziaria Clienti, con report basati sulla classificazione del rating dei clienti e sulla “salute” del credito dell’azienda (ageing).

Sarà disponibile, dopo l’estate, la nuova app Retail MySelf per il mobile commerce. Scaricabile tramite Apple Store e Google Play e dotata di una interfaccia grafica di ultima generazione, la app permetterà al cliente del punto vendita di fruire di:

  • Consultazione del catalogo prodotti sempre aggiornato dal negozio
  • Disponibilità di tutti i pieghevoli promozionali solitamente inviati tramite posta
  • Consultazione della fidelity card virtuale con saldo punti ed e-coupon
  • Ricezione diretta di notifiche e promozioni da parte del negozio anche personalizzate per il singolo cliente
  • Composizione dell’ordine tramite l’e-commerce del punto vendita
  • Pagamento in cassa con smartphone

Altra novità è Retail Point, una soluzione integrata per totem e chioschi da cui il cliente effettuerà il self check out ed il pagamento, in contanti o tramite POS, con emissione dello scontrino fiscale. Per rendere sicure le transazioni di mobile payment verrà rilasciato dopo l’estate anche il nuovo modulo 3D Secure Card per la gestione sicura dei pagamenti con carta di credito in collaborazione con Cartasì. Questa soluzione permette di gestire transazioni sicure e certificate sia per il cliente, sia per il negoziante. Inoltre, saranno disponibili, dai primi giorni di Giugno, due nuove App per semplificare l’operatività ed aumentare gli introiti di strutture ricettive e pubblici esercizi.

Barbara Reffi
Barbara Reffi

Welcome Mobile, disponibile su Apple Store e Google Play, dotata di una interfaccia grafica di ultima generazione, propone le funzionalità di utilizzo in base alla profilazione dell’utente che effettua il login garantendo quindi a ciascuno le operatività cui è abilitato. Se ad effettuare il login al dispositivo sarà una governante, avrà a disposizione tutte le informazioni e funzionalità per la pulizia e la manutenzione delle camere, potrà modificare lo stato camera, segnalare eventuali interventi necessari ed effettuare gli addebiti delle consumazioni frigo bar direttamente sul conto della stanza. L’App potrà essere usata, tramite tablet o smartphone, anche per addebiti sul conto da altre postazioni o in mobilità come ad esempio in piscina, presso l’ombrellone o nel centro benessere. Se ad accedere sarà invece un operatore del ricevimento potrà utilizzarla per la gestione delle prenotazioni e l’amministrazione del Channel Manager: pubblicazione di tariffe e camere sui portali e sul web booking dell’hotel e lettura delle prenotazioni provenienti dal web. 

Menu MySelf permetterà al cliente del ristorante di avere accesso, direttamente dal proprio smartphone,  al menù elettronico e di effettuare in autonomia l’ordine. Tramite l’App il cliente potrà anche ricevere informazioni su news ed eventi del locale. Il mobile payment integrato nella nuova App MySelf per transazioni one-click permette il pagamento del conto ristorante al tavolo con il proprio smartphone, il pagamento anticipato dell’asporto ritirato o consegnato a domicilio, il pagamento alla cassa con smartphone leggendo un QR Code.

Per Menu sarà disponibile anche il nuovo Menu Point, una soluzione integrata per totem e chioschi da cui il cliente effettuerà l’ordine ed il pagamento, in contanti o tramite POS con emissione dello scontrino fiscale. Per entrambi i prodotti verrà rilasciato anche il nuovo modulo 3D Secure Card per la gestione sicura dei pagamenti con carta di credito in collaborazione con Cartasì, una novità assoluta ed esclusiva per i gestionali dedicati a ristorazione e strutture ricettive. Questa soluzione permette di gestire transazioni sicure e certificate sia per il cliente, sia per l’albergatore evitando di maneggiare, copiare, stampare i dati delle carte di credito per eseguire pre-autorizzazioni o addebiti manuali evitando così contestazioni da parte dei clienti.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore