Pc dismessi? Solo se ben ripuliti

News

Privati cittadini, professionisti, aziende e pubbliche amministrazioni che dismettano l’usato o lo vogliano consegnare ai punti di raccolta per lo smaltimento dovranno cancellare in maniera definitiva i dati personali memorizzati. Lo dice il Garante dopo la pubblicazione della normativa in Gazzetta Ufficiale

Dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale il Garante mette a disposizione sul suo sito www.garanteprivacy.it un documento con le istruzioni per favorire quanto più possibile una cancellazione sicura dei dati.
Non si sa mai chi può sbirciare nella tua spazzatura elettronica. Per questo il Garante ha messo a punto una serie di indicazioni per evitare che, al momento di dismettere apparecchiature elettriche ed elettroniche (anzitutto pc, ma anche cd rom o dvd), rimangano in memoria nomi, indirizzi mail, rubriche telefoniche, foto, filmati, numero di conto bancario, dati personali in generale, anche di tipo sensibile come quelli sanitari, riferiti non solo all’utilizzatore, ma anche a terzi.

Da oggi in poi, privati cittadini, professionisti, ma anche aziende e pubbliche amministrazioni che intendono dismettere il proprio “usato” o consegnarlo ai punti di raccolta per lo smaltimento dovranno preoccuparsi di cancellare in maniera definitiva – anche con l’aiuto degli stessi rivenditori o se proprio necessario di tecnici specializzati – i dati personali memorizzati. Questo innanzitutto allo scopo di non esporsi e non esporre altri a rischi anche gravi, come ad esempio la manipolazione di dati e il furto di identit

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore