Più elite per il canale di Citrix

News

Reduci dagli annunci del recente evento Synergy 2011 che ha messo in ordine l’offerta di Citrix, i manager della società hanno fatto il punto per il prossimo anno annunciando novità in fatto di partner di canale

Reduci dagli annunci del recente evento Synergy 2011 che ha messo in ordine l’offerta di Citrix nei diversi campi di intervento – dalla virtualizzazione del desktop e dei server fino al cloud computing in versione anche pubblica – e mettendo anche in gioco gli ultimi tasselli del puzzle delle acquisizioni e delle alleanze ( con un’estensione degli interessi anche verso la miniaturizzazione su chip) , Massimiliano Grassi ( Marketing manager ) e Giuseppe Sacchetti ( Channel manager ) fanno il punto sullo stato dell’arte del strategie italiane di Citrix Systems per il prossimo anno.

Senza alcun complesso di inferiorità rispetto a Vmware ( numero uno del mercato, e più volte citata) i due dirigenti della società puntano sul fatto che Citrix dispone a questo punto di una piattaforma di virtualizzazione ormai completa per la condivisione , l’accesso e la delivery delle informazioni e delle applicazioni aziendali. Ma “ è il desktop che resta il core business oltre che il tema caldo della virtualizzazione . Siamo l’unica azienda ad arrivare con il desktop su qualsiasi tipo di device grazie a Receiver”. E per il mercato italiano formato in gran parte da realtà medio piccole il discorso si sposta subito su la nuovissima versione di VDI in a Box acquisita con Kaviza.

 

 

 

Si tratta di una soluzione che va posizionata bene nell’offerta Citrix : “ VDI in a Box ,a basso costo di esercizio, è per il mercato PMI. Più semplice di XenDesktop che viene orientato al mercato enterprise”. VDI in a Box è un’unica appliance virtuale che fornisce tutte le funzionalità necessarie per la creazione, il provisioning , la gestione e il load balancing dei desktop virtuali. Con un particolare legame con l’ambiente Windows l’appliance lavora con server a basso costo che dispongono di hypervisor XenServer, Hyper-V o ESXI. Gli amministratori di desktop in ambiente Windows possono gestire anche una griglia di server VDI in maniera centralizzata con un’interfaccia a wizard che fa da filtro sui dettagli della virtualizzazione eliminando il ricorso a figure specialistiche nell’IT o nel networking. E’ Receiver a farsi carico del desktop dell’utente , dalla sicurezza fino a una “user experience” ad alta ricchezza multimediale ( con la tecnologia HDX).

Nei programmi di Citrix Italia per il 2012, che cresce a un ritmo del 44 per cento, VDI in a box fa parte di una serie di altre aree di sviluppo che comprendono la delivery delle applicazioni e il networking sullo sfondo di un mercato alle prese ancora con la migrazione del desktop verso Windows 7.

Per questo Sacchetti si propone di continuare sulla trasformazione del canale con la creazione di figure di elite e più fidelizzate a Citrix che il numero due della società definisce come “concessionari”. Citrix ha ormai ricostituito i suo team di vendita avvicinandosi a una quarantina di persone . Partita in Italia con una focalizzazione sui mercati enterprise soprattutto Finance e Telco ( la nuvola italiana di Telecom Italia è tutta Citrix ) oltre che sulle tecnologie VDI , Citrix punterà anche sullo sviluppo con un team dedicato del networking applicativo ( accelerazione, compressine e ottimizzazione) .

Autore: Redazione
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore