Poca fiducia nelle nuove licenze

News

I clienti di Microsoft sono riluttanti ad adottare il nuovo piano di licenze. Questo è quanto sostiene lanalista Yankee Group.

Secondo una indagine condotta da Yankee Group, molti clienti Microsoft non vogliono aderire al nuovo programma di licenze 6.0.
Sette mesi fa, riporta la ricerca, solo il 28% delle organizzazioni aveva aderito al nuovo piano, mentre il 72% era ancora attaccato al vecchio programma licensing. Per molti infatti la nuova politica di licenze non fa altro che aumentare i costi, anziché ridurli e questo non crea certo un grande entusiasmo. Almeno il 60% degli intervistati ha dichiarato di aver riscontrato un incremento dei costi, una percentuale comunque in diminuzione rispetto a una precedente indagine. Un 28% ritiene che i costi siano rimasti uguali, poco più del 10% afferma siano diminuiti del 5-10% e appena l1% degli intervistati dichiara di aver rilevato un calo superiore al 20%. Tra gli scontenti, il 22% ha avuto aumenti del 5/20% e il 17% anche tra il 20 e il 30%. Una percentuale del 7,4% dichiara incrementi dei costi del 50% e un 6% addirittura del doppio. Secondo gli analisti, questa situazione dovrebbe migliorare con il tempo; Microsoft sta lavorando per incentivare la migrazione al nuovo programma di licenze, in modo da riuscire a far diminuire timori, paure e incertezze, ingiustificati a detta della multinazionale americana.