Prodotti e programmi per crescere

Strategie

Risc Technology vuole crescere ulteriormente nel settore delle piccole e medie imprese, che già oggi rappresentano circa il 70% del business. E lo fa ampliando le sue strutture tecnico-commerciali, puntando ai prodotti e alle nuove tecnologie

L’italiana Risc Technology, la più recente filiale del distributore di soluzioni e prodotti per la sicurezza Noxs Europe, vanta un risultato davvero invidiabile: ha raggiunto il break even dopo solo sei mesi di attività. “Abbiamo operato un scelta un po’ trasversale rispetto a quella che avrebbe dovuto fare qualunque filiale di un qualsiasi altro distributore, – ha affermato Sergio Manidi, amministratore delegato di Risc Technology -. Ci siamo presentati in Italia con una gamma ridotta di prodotti e un numero selezionato di tecnologie, gestibile dalla struttura italiana. Abbiamo poi puntato su soluzioni che non fossero inflazionate ma che seguissero un filo logico, ovvero su tecnologie complementari all’offerta di sicurezza oggi disponibile sul mercato. Tali tecnologie ci permettono di fornire al nostro canale l’opportunità di vendere soluzioni complementari a quelle che ha proposto sinora, ma che proporrà anche in futuro, ai propri clienti”. Al fine di costruire una propria rete di terze parti, composta da un 70% di aziende che operano sul mercato delle piccole e medie imprese e da un 30% di società attive sul segmento enterprise, nei sei mesi di vita Risc Technology ha investito molto in roadshow e corsi tecnici e commerciali. “Stiamo anche lavorando con alcune di queste strutture – ha precisato Manidi – per creare proposte specifiche, costruite in funzione delle singole basi di offerta. Tutti i prodotti che abbiamo a catalogo permettono di erogare servizi. Questo è quello che il canale cerca e insieme ai nostri partner stiamo lavorando in tale direzione”. Tra i progetti per il futuro a breve termine, in prima posizione Risc Technology mette quello di far crescere la propria offerta in proporzione all’ampliamento che vorrà, o potrà, fare della struttura italiana. “Aggiungeremo a listino altri prodotti – ha sottolineato Manidi – però sempre facendo una scelta molto oculata. Queste nuove mosse strategiche andranno di pari passo con il potenziamento della nostra struttura: tramite un’istruzione tecnica e commerciale, vogliamo preparare il canale a vendere queste tecnologie”. Riguardo sempre l’ampliamento della filiale italiana, Risc Technology sta inoltre valutando nuove figure commerciali che possano aiutare a sviluppare maggiormente il business. Man mano che saranno siglati nuovi accordi di distribuzione, verranno inserite nello staff di tecnici a copertura delle opportunità che nasceranno. “Mi aspetto una forte crescita nel 2005, attorno al 200% rispetto ai primi sei mesi di attività – ha sottolineato Manidi -. Vogliamo ricavarci una nostra posizione sul mercato italiano possibilmente con tecnologie nuove e non già largamente diffuse”.