Quiz – Con Pokemon Go è partita la febbre da tecnologia nei videogiochi

News
call of duty, videogames, videogame@shutterstock
0 0 Non ci sono commenti

La tecnologia e i videogiochi. Vi siete mai chiesti quanto ne sappiate di questi due e delle società che vi fanno divertire, vi accompagnano nei vostri viaggi e o nei vostri passatempi? E’ scoppiata la moda dei Pokemon Go, ma attenzione agli imbrogli. Ecco un Quiz per mettervi alla prova, anche se siete sotto l’ombrellone

Il fenomeno Pokémon Go è ormai esploso in tutto il mondo e i giocatori si recano nei posti più impensabili  per catturare il maggior numero di ‘animaletti’. L’app Pokemon Go ha conquistato in poco tempo la prima posizione su iTunes e Google Play, le azioni Nintendo sono più che raddoppiate e la spesa nel settore del gaming, solo negli Stati Uniti, ha superato i 2 milioni di dollari al giorno su iOS. L’impatto economico, comunque, ha una portata molto più ampia e non si limita solo alle azioni Nintendo o agli acquisti dell’app.

I retailer e i ristoranti stanno registrando infatti dei picchi nel commercio e nelle vendite, dato che i giocatori entrano molto più frequentemente nei negozi per catturare i personaggi. Ma le insidie sono sempre dietro l’angolo. I laboratori Trend Micro avvisano sui rischi collegati a Pokemon Go, il popolare gioco che in questi giorni sta facendo divertire milioni di persone in tutto il mondo. Pochi giorni dopo il rilascio della versione ufficiale, una finta versione contenente un trojan Android è stata rilevata all’interno di un sito di file sharing di terza parte.call of duty, videogames, videogame@shutterstock

Poco dopo i ricercatori hanno trovato un’altra app maligna su Google Play, denominata “Pokemon GO Ultimate” e capace di bloccare lo schermo del dispositivo e cliccare pubblicità pornografiche in background all’insaputa dell’utente. Su Google Play sono state trovate anche una finta “Guida e trucchi per Pokemon GO” e “Installa Pokemon GO” che portano a siti dove l’utente è ingannato a spendere grosse somme di denaro, come ad esempio costosi servizi in abbonamento non richiesti. I dispositivi infetti possono essere sbloccati rimuovendo la batteria o utilizzando Android Device Manager.

Per evitare di cadere in trappola e perdere anche denaro è meglio seguire alcune regole:

* Scaricare solo da app store legittimi. Le percentuali di infezioni contratte in siti non ufficiali sono sempre molto alte

* Leggere i “termini e condizioni” delle app. I cybercriminali proveranno sempre a infiltrarsi in store legittimi. Verificare i “termini e condizioni” aiuta non solo a capire quali permessi si stanno dando ma anche se una app è vera o finta

* Controllare le recensioni di altri utenti da fonti credibili. Molte recensioni potrebbero essere finte, meglio verificare sempre la reputazione degli utenti

* Utilizzare una soluzione di sicurezza comprovata. Oltre a essere attenti, una soluzione di sicurezza è un’ulteriore barriera per non incappare in app maligne

Per accertare le vostre conoscenze o semplicemente per divertirvi, magari sotto l’ombrellone, provate a cimentarvi con il nostro Quiz cliccando qui

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore