R. Viglione (Mauden): l’eccellenza in un ‘Viso trasparente’ di Mimmo Rotella

Strategie

Ritratti 4.0 – Roberta Viglione, presidente e Ceo di Mauden, si racconta e spiega come sia passata dagli studi di architettura all’informatica. Ama gli sport, cerca l’eccellenza in se e nel suo team di lavoro e se fosse un quadro sarebbe Viso trasparente di Mimmo Rotella

Se non facesse il lavoro che ora fa, farebbe l’Architetto. ChannelBiz ha intervistato Roberta Viglione, presidente e Ceo di Mauden, ne ha fatto un Ritratto 4.0 dal quale emergono aspetti e sfumature della personalità di Viglione. Manager che cerca l’eccellenza in se stessa e la richiede agli altri, ama la schiettezza ma non ama le persone troppo cerimoniose. Un giusto approccio alla tecnologia, che non deve invadere troppo la sua vita privata.

Chi è Roberta Viglione?
Sono un concentrato di entusiasmo esplosivo, una persona sempre positiva che tende a vedere il bicchiere quasi sempre mezzo pieno e difficilmente mi scoraggio. Cerco l’eccellenza in me stessa e la richiedo.

Qual è stato il suo percorso di studi?
Ho completato il Liceo scientifico a Imperia e poi sono andata a Genova per studiare architettura, ma ho dovuto rendermi indipendente, così ho lasciato Architettura e ho avuto bisogno di rendermi indipendente e così ho seguito un corso di programmazione della regione Liguria di due anni che mi ha permesso di avvicinarmi al mondo dell’informatica, lasciando l’aspirazione che avevo.

Roberta Viglione
Roberta Viglione

Che tipo di adolescente era?
Una figlia tranquilla, piena di vita, sportiva, espansiva e rispettosa delle regole e dei limiti.

Come si è avvicinata al mondo dell’Ict?
Due anni di corso di programmazione della Regione Liguria (corso Cobol, analisi area commerciale).

A cosa deve il successo nel suo lavoro?
Il lavoro è una delle mie passioni. Non ho mai patito il lavoro perché mi è sempre tanto piaciuto.

Qual è il suo rapporto con la tecnologia?
Nel passato era un rapporto molto forte e mi appassionava: oggi come utente ho un po’ allentato il colpo, almeno nel mio privato. Nel business non vi si può prescindere.

Qual è l’oggetto più tecnologicamente avanzato che ha in casa sua?
In casa ho alcuni oggetti domotici, come il riscaldamento che posso attivare da fuori casa, in futuro chissà…

Quanto tempo passa davanti alle mail sul cellulare, la mattina appena sveglia o la sera prima di coricarsi?
La mattina.

Roberta Viglione
Roberta Viglione

Cosa ne pensa del rapporto IoT e sicurezza?
C’è ancora tanto da fare è un rapporto poco standardizzato, ma ci sono ancora passi avanti da fare. Più andremo avanti e più sarà fondamentale.

Se le dico cloud, cosa le viene in mente?
Un mezzo che facilita alcune aree di business, un veicolo per portare le nostre offerte sul mercato in modo fruibile.

Intelligenza artificiale: evoluzione o involuzione? Cosa si aspetta nel futuro?
Credo che ci aiuterà, quindi evoluzione che ci farà superare tanti passaggi comuni che oggi ci fanno perdere tempo.

Quali sono i suoi hobby? 
Arte contemporanea, cinema, sci, barca a vela…In generale amo gli sport.

Qual è il pregio che ammira di più nelle persone e quale è il difetto che proprio non le va giù?
La franchezza è il pregio che ammiro di più, si abbia il coraggio di essere sinceri anche a costo di non piacere. Al contrario non mi piacciono le persone troppo cerimoniose.

Direbbe grazie a…e perché? 
Ai miei genitori, per come mi hanno fatta crescere dandomi la giusta libertà.

A chi chiederebbe scusa e perché? 
Sempre ai miei genitori. Direi a mio padre quello che non gli ho mai detto, che gli ho voluto bene.

Se fosse un piatto che piatto sarebbe? 
Una rosetta (tipo di pane, ndr) col prosciutto crudo.

Roberta Viglione
Roberta Viglione

Se fosse un quadro? 
Viso trasparente di Mimmo Rotella.

Se fosse un film? 
Strange Days di Kathryn Bigelow.

Se fosse una stagione? 
Autunno.

Se fosse una tecnologia? 
Un virtualizzatore.

Se non facesse il lavoro che fa, che lavoro farebbe? 
L’architetto.

Se avesse una bacchetta magica… 
Garantirei la salute alle persone a cui voglio bene.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore