Red Hat: l’open source che fa bene al mercato

News

Si è appena concluso l’Emea Partner Summit con il 40% di partner in più rispetto alla scorsa edizione. Il ceo, Jim Whitehurst, è convinto che il modello open source soddisfi le esigenze moderne di mercato

Red Hat ha chiuso l’Emea Partner Summit di Malta con partner provenienti da 38 paesi in tutta la regione, registrando un incremento del 40% rispetto alla scorsa edizione.

Red Hat ha premiato alcuni partner riconoscendo i loro successi e l’impegno verso i clienti.

Per l’Italia è stato premiato Sourcesense come Middleware Partner dell’anno e ITWay per Campagna Marketing Innovativa dell’anno.

Nel corso del keynote intitolato “The Open Source Opportunity” il ceo Jim Whitehurst si è rivolto ai presenti condividendo la sua visione di come il modello open source sia perfettamente in grado di soddisfare le odierne esigenze It.

Gli intervenuti al Summit hanno ricevuto aggiornamenti sulla roadmap tecnologica di Red Hat che comprende i prodotti Red Enterprise Virtualization che forniranno ai clienti tecnologia di virtualizzazione next generation.

La prossima edizione dell’Emea Partner Summit avr

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore