Oracle OpenWorld 2013, reportage da San Francisco

Mercato

Larry Ellison, ceo di Oracle, apre l’Oracle OpenWorld all’insegna dell’in-memory database, dettando le linee tecnologiche che andranno a comporre il data center del futuro. E Mark Hurd, presidente di Oracle, ribadisce la continuità con il passato. Giorno per giorno gli annunci più importanti, anche un nuovo accordo con Microsoft

Si è da poco concluso a San Francisco Oracle OpenWorld 2013,  l’evento annunale che vede Oracle raccogliere da tutto il mondo partner, sviluppatori, manager, analisti, vendor per illustrare le strategie per il prossimo anno.

Nel segno della continuità, come Mark Hurd,  presidente di  Oracle ha ribadito nel suo keynote.

oracle openworld La focalizzazione rimane alta sui quattro pilastri definiti strategici: focus su industry  application, cloud application, vertical integration e sulla tecnologia best of breed.

A distanza di dodici mesi, ribadita  la coerenza con il passato, dimostrando  un atto di serietà anche verso quei partner che hanno abbracciato il cambiamento di Oracle negli ultimi anni, la nascita dei sistemi ingegnerizzati hardware e software insieme, la spinta sulle cloud application e la proposizione verso il cloud privato da proporre ai clienti.

 

 

Gli annunci, giorno per giorno.

Ellison (Oracle): Ecco come sarà il data center del futuro (con slideshow)

Hurd (Oracle): Coerenza con la strategia lanciata lo scorso anno

Kurian (Oracle): Una giornata all’insegna del cloud

Fowler (Oracle): Focus sui sistemi ingegnerizzati mirati

Microsoft-Oracle: la partnership si allarga

Callighan (Oracle): Seimila nuovi partner per Oracle

 

 

 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore