Reti d’impresa, il fisco fissa l’agevolazione d’imposta

News

Un documento dell’Agenzia delle entrate stabilisce la percentuale di risparmio d’imposta per le imprese che hanno fatto rete secondo le indicazioni previste dall’articolo 42 del dl 78/2010

Il fisco ha fissato l’agevolazione fiscale per le reti d’impresa. E’ pari a oltre il 75% la quota di risparmio di imposta per le imprese che hanno fatto “rete”.

L’Agenzia delle entrate è intevenuta pubblicando un documento con il quale specifica l’agevolazione fiscale che permette di sospendere dal reddito d’impresa, e quindi non tassare, una quota degli utili per un ammontare massimo di un milione di euro, alle imprese che hanno aderito a un contratto di rete.

Più in particolare, in relazione al periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2010, alle imprese appartenenti a una delle reti d’impresa, riconosciute dall’articolo 42 del dl 78 del 2010, il beneficio fiscale spetta in misura non superiore al 75,3733% del risparmio di imposta richiesto con il modello reti.

Uno sconto calcolato facendo il rapporto tra il totale delle risorse stanziate pari a 20 milioni di euro, per il 2011, e l’importo del risparmio d’imposta complessivamente, fa sapere l’Agenzia, richiesto al Fisco con il modello Reti, che al 23 maggio 2011, ha superato quota 26 milioni di euro.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore