Roselli (Dell): L’indiretta destinata a raccogliere più del 50% del business

Strategie

Sante Roselli, Solution Manager Channel di Dell Italia, spiega i nuovi strumenti che Dell offrirà ai business partner per incrementare la proposizione in ambito enterprise. Perché l’indiretta dovrà raccogliere il 50% del fatturato

Indiretta. Una parola chiave per la strategia di go to market di Dell, da cinque anni a questa parte. Era il febbraio 2008 quando Michael Dell decise di aprire alla vendita attraverso i business partner. E di cambiare il profilo di Dell da azienda di pc ad azienda di soluzioni, inanellando una dopo l’altra acquisizioni strategiche dallo storage, alla sicurezza, alla virtualizzazione.

Se con Filippo Ligresti si è da poco fatto il punto sulla strategie complessive dell’azienda, con Sante Roselli, Solution Manager Channel di Dell Italia, l’accento viene posto sulla strategia indiretta. “In Italia oramai i prodotti enterprise pesano dal 35 al 40 percento del fatturato, andando a coprire dai server, allo storage alle soluzioni per i data center.  E grazie a una programma di canale molto dettagliato i partner possono accedere all’intero portafoglio prodotti”.

Ad oggi dall’indiretta passa il 40% dell’intero fatturato di Dell Italia ma l’obiettivo è superare il 50%, spingendo su formazione e certificazione, anche in ambito piccola e media impresa, da sempre il target ideale di Dell. “I partner si concentrano sul tuning specifico per cliente finale, mentre Dell semplifica il loro lavoro. Abbiamo per questo assunto lo scorso anno 70 persone, con l’obiettivo di fornire aiuti concreti al canale indiretto e permettere ai partner di concentrarsi sul vero valore aggiunto“.

Nella videointervista i dettagli per il 2013.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore