Route 66: ecco gli 11 training per i rivenditori Autodesk

Strategie

Emanuel Arnaboldi, country channel sales manager Autodesk Italia, annuncia la novità relativa ai rivenditori certificati. Undici training ogni trimestre dedicati a marketing, comunicazione, vendite, prevendite

Si chiama Route 66 il nuovo programma di formazione per i rivenditori certificati Autodesk. Il primo training, dedicato alla realizzazione di un business plan per il prossimo anno fiscale, che per Autodesk inizia il 1 febbraio 2011 (inizia l’anno fiscale 2012), si è tenuto a novembre 2010, i successivi dieci si terranno ogni trimestre.

I training sono finalizzati a dare formazione su marketing, attività di comunicazione, vendita, prevendida, vendita di valore, target account selling e riconoscibilità e assimilazione di messaggi che lanciano i rivenditori verso i loro utenti finali. “Il primo training – spiega Emanuel Arnaboldi, country channel sales manager Autodesk Italiaha visto circa 15 partecipanti. E’ stato realizzato quest’anno fiscale perché questo trainai era finalizzato a dare ai partner gli elementi per valutare e capire le potenzialità del mercato e a novembre, in genere, iniziano le attività di business plan”.

Il nuovo, per l’Italia, progetto di formazione è partito, quest’anno fiscale, come pilota negli Uk e, dal prossimo anno fiscale, sarà ufficializzato in tutta l’area Emea. E l’area Emea di Autodesk finanzierà questi corsi ai quali, i partner non dovranno sborsare alcun euro. “Abbiamo deciso di improntare il nuovo anno fiscale sulla formazione per poter garantire un concetto di continuità al canale. Autodesk, in collaborazione con alcune società di consulenza che materialmente terranno i corsi in aula, si prefigge l’obiettivo di portare a conoscenza dei rivenditori, concetti di marketing e di vendita che per un vendor o un distributore sono noti. Tuttavia questi training non sono preclusi ai distributori mentre lo sono agli utenti finali. Sono 11 training complessivi prosegue Arnaboldiai quali i partner potranno decidere di seguirli tutti oppure scegliere a seconda dell’obiettivo. Un esempio, potrebbe essere, la scelta di training che hanno il marketing come fattore comune, oppure una terna di corsi che hanno come filo conduttore la vendita”.

Sono circa una sessantina i rivenditori certificati Autodesk in Italia potenzialmente interessati a questo ciclo di training Route 66. Per la gestione dei training e per lo svolgimento degli stessi, Arnaboldi esclude che possano essere frequentati da un numero cospicuo di persone. “I corsi sono interattivi e alcuni degli 11 potrebbero essere gestiti attraverso giochi di ruolo, simulazioni quindi che necessitano la partecipazione di un numero ristretto di soggetti facilmente gestibili, non così sarebbe, per esempio, se il numero di partecipanti fosse elevato. Nel caso succeda che, a livello di iscrizioni, si vada in overbooking, non è da escludere che a livello locale si prenda la decisione di replicarli. Parlo a livello locale, perché non ci si deve dimenticare che questi training sono gestiti e finanziati, anche in Italia, a livello Emea”.

Arnaboldi precisa che a termine del trimestre non sono previste verifiche o altro, ma durante l’anno sono previsti momenti per ottenere la certificazione. “Il training serve al rivenditore anche per capire come sta approcciando la vendita. Sono training in aula che si terranno presso la sede di Autodesk ma non sono escluse altre location se il numero di partecipanti dovesse essere oltre la capienza delle nostre sale”.

In parallelo a Route 66 si terranno sempre gli Autodesk sales Academy dedicati ai sales dei rivenditori che vorranno approfondire sia tematiche commerciali, sia tecniche.

Non si dimenticano i corsi online. Il portale Autodesk learning center è diventato il fulcro della nostra formazione per le persone che lavorano hanno training propedeutici ed esami di certificazione online”, conclude Arnaboldi.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore