Sei vendor trainano la telefonia mobile

News

Il rapporto di Gartner evidenzia la buona salute del settore che, nell’ultimo anno, ha registrato una crescita del 21% nel mondo.

Nel 2005 il mercato della telefonia mobile ha raggiunto la cifra di 816.6 milioni di unità vendute, con un incremento del 21% rispetto all’anno precedente. Questo è quanto hanno rilevato gli analisti di Gartner a livello mondiale. Gli analisti sottolineano come il settore sia dominato da sei principali vendor, che detengono più del 79% del mercato, a scapito dei piccoli. Ma sono soprattutto due gli attori principali: Nokia e Motorola, che si accaparrano oltre il 50% di share. Una tendenza che continuerà anche nei prossimi mesi. I produttori si combattono soprattutto sul prezzo, nell’ambito della fascia più bassa, e dal punto di vista del design e della tecnologia. L’andamento positivo è dovuto, secondo Gartner, alla crescente domanda nei paesi emergenti, oramai paragonabile a quella dell’Europa Occidentale; e al mercato di sostituzione, molto attivo da noi come nel Nord America. Osservando la classifica dei vendor, troviamo Nokia in ripresa in termini di unità, con un guadagno di due punti percentuali di share rispetto al 2004, saldamente in testa con il 32.5%; seguono Motorola, anch’essa in crescita, e Samsung, che resta sostanzialmente stabile. Nei successivi posti, si posizionano Lg, Sony Ericsson e Siemens, rispettivamente con il 6.7%, 6.3% e 3.5%. Per quanto riguarda Siemens, è opportuno guardare le cifre dell’ultimo trimestre, dove appare il marchio Benq Mobile, che ha rilevato la divisione dalla società tedesca: 4.7%. Nei paesi dell’Europa Occidentale, le vendite sono salite fortemente dal 2004, arrivando a raggiungere 164 milioni di pezzi; bene anche l’Europa Centrale e i paesi del Medio Oriente e dell’Africa, che hanno venduto oltre 153 milioni di unità; il Nord America ha superato quota 148 milioni mentre l’America Latina registra un aumento del 40% portandosi a oltre 102 milioni di pezzi.