Sidin investe nella Pa grazie a cloud, mobility e byod

Strategie
Vittorio Zunino, Sidin

Sidin chiude il 2013 con un fatturato di circa 47 milioni di euro, grazie al settore della sicurezza che da solo ha avuto un incremento del 10% rispetto al fatturato 2012. Vittorio Zunino, presidente e founder di Sidin, spiega l’interesse verso la Pa e le opportunità che si possono cogliere in ambito cloud, mobility e byod

La Pubblica amministrazione, sia centrale sia locale, è un terreno fertile su cui puntare e investire.

Nonostante le difficoltà che la distribuzione ha riscontrato negli ultimi anni, specie se tocchiamo il discorso dei pagamenti, Sidin è orientata a questo settore e lo fa forte del fatto che anche la pubblica amministrazione stessa ha scoperto il mondo del cloud, della mobility e del Byod, che meritano un cambio di approccio.

Vittorio Zunino, Sidin
Vittorio Zunino

Vittorio Zunino, presidente e founder di Sidin, ha tirato le somme di un anno non semplice, in fatto di distribuzione ma che regge grazie a un fatturato di circa 47 milioni di euro e un portafoglio che si è distinto, soprattutto sul fronte della sicurezza con un incremento di fatturato del 10% rispetto al 2012. Il nuovo sito web, la formazione, lo sviluppo del business e delle attività di marketing hanno contribuito a questi risultati e dato una mano concreto “ai rivenditori che non ce la fanno a proporsi ai clienti finali. In altre parole – spiega Zunino – prendiamo conoscenza delle opportunità dei vendor e le trasformiamo in soluzioni vericali , aiutando i system integrator ad andare dai propri clienti finali”.

Se da un lato il sito web è stato fondamentale veicolo di contenuti utili al business, la formazione è stata il mezzo per la diffusione della conoscenza dei servizi offerti dal distributore. Corsi di certificazione, webinar, virtual conference room sono erogati quotidianamente su temi e brand differenti. Nel 2013, recita una nota della società, si sono tenuti circa 60 webinar con oltre 800 partecipanti e sono state erogate quasi 100 giornate formative, tra seminari e corsi di certificazione, con oltre 700 partecipanti.

Dopo aver ricordato i 2.500 clienti stabili, Zunino ha ricordato una tipologia uniforme di clientela sul territorio nazionale , clientela legata al mondo dell’internet provider e un particolare cenno alla Pa locale e centrale interessata al rinnovamento tecnologico. “La Pa ha progetti concreti. Si pensi alla sanità, alle scuole e agli investimenti wireless e ai progetti che stiamo portando avanti con system integrator attivi nella pubblica amministrazione”.

I nuovi mercati saranno al centro della strategia di Sidin che rinnoverà il suo impegno per intensificare le occasioni di approfondimento sulle tecnologie e sulle tematiche attuali come cloud e mobility. Nel 2013 Sidin ricorda di aver messo in portafoglio la distribuzione di Lastline e di A10 networks e di aver arricchito l’area sicurezza con prodotti a valore. Vittorio ZuninoLe risorse umane aziendali rivestono un ruolo importante per concretizzare tutti questi obiettivi: con i due team “Specialist” (uno tecnico e uno commerciale), Sidin, mette a disposizione del canale professionisti di alto profilo, in grado di comprendere le necessità dei clienti e costruire soluzioni su misura, tenendo conto delle tecnologie già in uso e del contesto applicativo. Le figure Specialist diventano una sorta di tutor per il cliente, che viene seguito in tutto il percorso di progettazione e acquisto.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore