Sophos chiude l’anno fiscale con +17% di fatturato

News

Sophos ha visto 402,9 milioni di dollari di fatturato, con una crescita del 17% rispetto all’anno precedente, Ebitda di 107,9 milioni di dollari, con una crescita del 14%

L’anno fiscale chiuso al 31 marzo 2012 di Sophos ha visto 402,9 milioni di dollari di fatturato, con una crescita del 17% rispetto all’anno precedente, Ebitda di 107,9 milioni di dollari, con una crescita del 14% rispetto all’anno precedente, profitto generato da operazioni di 92,2 milioni di dollari, con una crescita del 21% rispetto all’anno precedente, acquisizione di Astaro Software a luglio 2011 per rafforzare le offerte in ambito network security e unified threat management e acquisizione di Dialogs Software Gmbh ad aprile 2012 per rafforzare l’offerta per la gestione dei device mobili.

Quest’anno Sophos ha compiuto notevoli passi in avanti per quanto riguarda ambiti come gestione dei device mobili, mobile data protection, cloud encryption e UTM, rafforzando al contempo le sue soluzioni leader sul mercato per la protezione dell’endpoint e dei dati – tutte componenti dell’offerta di complete security.

Anche sul mercato italiano, possiamo confermare il trend positivo emerso dai risultati finanziari dell’anno fiscale 2011-2012 a livello mondiale, nonostante il difficile contesto economico-finanziario. Questo risultato è stato reso possibile da accurate politiche di go-to-market e in particolare da efficaci campagne di pricing e bundling rivolte non solo al Large Enterprise ma anche al segmento delle PMI. Inoltre, l’offerta di Complete Security che Sophos è in grado di proporre ai propri clienti ci consente di porci come partner d’eccellenza tecnologica garantendo altresì un ottimo rapporto qualità-prezzo”, afferma Marco D’Elia, Country Manager, Sophos Italia.

Autore: Channelbiz
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore