Sophos e Astaro: va in scena l’acquisizione

News

Sophos annuncia la chiusura di un accordo per l’acquisizione di Astaro. Benefici per i partner che avranno a disposizione una gamma completa e variegata di soluzioni e servizi di sicurezza

Concluso un accordo per l’acquisizione di Astaro. L’attore che potrebbe portarsi a casa la società a capitale privato e vendor di soluzioni per la protezione della rete, con sede centrale a Wilmington, Massachusetts, Usa e Karlsruhe, Germania, è Sophos.

La buona riuscita dell’operazione favorirà, secondo una nota delle società, anche i partner i quali avrebbero a disposizione una gamma più completa e variegata di soluzioni e servizi di sicurezza.

Inoltre, i partner avranno la possibilità di fornire una soluzione coordinata per la protezione dei dati contro le minacce, e di effettuare il delivery dei criteri da qualsiasi endpoint a qualsiasi punto estremo della rete, con opzioni che possono venire distribuite in qualsiasi modo (piattaforme software, virtuali, di appliance o servizi cloud) e supportate da aggiornamenti di sicurezza da  Sophos Live Protection, per una protezione in tempo reale e ad alte prestazioni a disposizione degli utenti finali, indipendentemente dalla loro posizione.

Questa acquisizione è rivolta alle esigenze dei clienti, di migliori efficienza e coordinazione della sicurezza fra utenti, applicazioni e infrastrutture informatiche. “La combinazione fra la gamma completa di prodotti per la protezione della rete di Astaro e le nostre competenze in materia di protezione dei dati dalle minacce informatiche per endpoint, utenti mobili ed e-mail, ci consentirà di continuare a fornire risultati tangibili e in sintonia con il nostro progetto mirante a una sicurezza completa e trasparente, ovunque si trovino utenti e aziende”, afferma Steve Munford, ceo di Sophos.

Il mercato delle appliance di sicurezza multifunzione ha subito una crescita costante, dovuta al fatto che organizzazioni di varie dimensioni desiderano una migliore protezione dalle minacce alla sicurezza; a ciò si aggiunge la necessità di offrire supporto ad utenti e postazioni lavorative in maniera completa, efficiente e facile da usare. Astaro, con un fatturato di 56 milioni di dollari e nel 2010 un incremento del 30% rispetto all’anno precedente, è il quarto vendor più importante di soluzioni specifiche di Unified Threat Management (Utm).

Si colloca all’apice del mercato e ha registrato una crescita molto rapida, grazie alle sue comprovate prestazioni in termini di prodotti solidi e innovativi dotati di soluzioni ricche di funzionalità per la protezione della rete. “La domanda di soluzioni per la protezione della rete dotate di sicurezza più completa e di alta qualità è in rapido aumento; eppure le aziende si trovano in grande difficoltà, per via della complessità delle soluzioni di sicurezza multiple in grado di soddisfare i loro requisiti”, sostiene Jan Hichert, ceo di Astaro.È con immenso piacere che accogliamo questa sinergia con Sophos, in quanto condividiamo le stesse mission e passione, mirate a fornire soluzioni di sicurezza che siano contemporaneamente complete e facili da utilizzare. Insieme, daremo ai clienti la possibilità di esercitare una sicurezza omogenea e un valido controllo della rete e delle applicazioni, indipendentemente dall’ubicazione dell’utente o da quali siano i confini della rete aziendale”.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore