Stonesoft entra nell’ottica McAfee e si prepara al 2014

Strategie

PUBLIREDAZIONALE – Emilio Turani, country manager di Stonesoft Italia società del gruppo McAfee spiega i risvolti dell’acquisizione e annuncia i possibili sviluppi sul canale

McAfee ha raggiunto una tappa importante nell’acquisizione di Stonesoft. A seguito del completamento dell’acquisizione, Stonesoft diventa una società del gruppo McAfee, e tutti i prodotti e le tecnologie della società fanno parte del portafoglio di McAfee. “Con l’acquisizione le nostre soluzioni sono mantenute , sviluppate, migliorate e interfacciate con le restanti piattaforme per un portafoglio ricco ed eterogeneo. Restiamo come divisione, con stesso canale di vendita e svilupperemo gli end user e i prodotti saranno messi a listino anche in quello di McAfee, in prospettiva, migliorando e potenziando la proposta al mercato. Dall’acquisizione – spiega Emilio Turani, country manager di Stonesoft Italia società del gruppo McAfee – il mercato coglie un doppio beneficio: stabilità economica e lungimiranza perché oggi McAfee è la più grande azienda di sicurezza al mondo quindi Stonesoft beneficerà della stabilità finanziaria di McAfee”.

La nostra linea lavorativa – continua – si manterrà sulla fascia r&d e i centri di supporto, che ne progrediranno la tecnologia almeno in una fase iniziale, in una fase successiva, ci sarà una integrazione con le restanti strutture di McAfee. L’obiettivo è che i diversi diversi deal di sicurezza siano sempre più coordinabili e interoperabili”. Turani è ottimista sul futuro, McAfee ha preso in analisi i prodotti Stonesoft di network security “l’idea era di fare trattativa di collaborazione commerciale – Oem e successivamente, il top management di McAfee ha capito che dietro un prodotto c’era un’azienda in utile e funzionale. Non credo ci siano presupposti per preoccuparsi – spiega Turani – perché il management ha apprezzato le nostre strategie di sales e di approccio al mercato, che intendono mantenere”.

Il canale di Stonesoft aderirà, dal 2014, al programma di canale di McAfee e, secondo Turani, si prospetta una convergenza interessante. Nel 2013 la società ha proseguito il percorso previsto, fatto di razionalizzazione del numero dei reseller per concentrarsi meglio sulle certificazioni importanti.

 

 

Leggi anche l’articolo “La network security fa rima con mobile e BYOD” con videointervista a Emilio Turani.

Autore: Redazione
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore