Syneto: quale futuro per l’iperconvergenza?

Strategie

Le soluzioni hyperconverged sono state il tema della Convention annuale di Syneto alla quale sono intervenuti oltre 160 partecipanti tra reseller, distributori, partner e clienti

Quale futuro per le soluzioni hyperconverged: è stato il tema della Convention annuale di Syneto alla quale sono intervenuti oltre 160 partecipanti tra reseller, distributori, partner e clienti presso la location Barone Pizzini in Franciacorta.

Secondo i dati Sirmi presentati durante la Convention, il mercato IT in Italia vale circa 1 miliardo di euro, di cui 475 milioni di euro per la parte Server, 459 milioni di euro per lo Storage e circa 100 milioni per il Software Managing. In Italia ci sono circa 4,4 milioni di imprese con meno di 250 addetti (Pmi), che costituiscono più del 99% delle aziende totali. Relatori_staff_Syneto_Partner_Gala_2017
Ma quanto possono investire le Pmi in un’infrastruttura informatica di tipo “Enterprise” che garantisca semplicità, sicurezza, e minimo rischio di fermo? In questo contesto di mercato si inserisce l’innovativa soluzione hyperconverged con Disaster Recovery integrato per le Pmi di Syneto. La nuova HYPER Series 3000 presentata da Syneto è una piattaforma smart, agile ed elastica con concetti integrati e nativi di protezione del dato a costi sostenibili, che consente di risolvere tutte le sfide di data recovery che le PMI di ogni settore industriale si trovano ad affrontare, ad un costo pari al 50% rispetto ad una soluzione tradizionale.

Progettata nel centro R&D di Syneto a Timisoara e commercializzata in Italia dalla filiale italiana di Brescia,  HYPER Series 3000 esegue applicazioni aziendali virtualizzate, condivide e memorizza file in modo efficiente e garantisce la sicurezza di tutti i dati tramite l’unità di disaster recovery integrata, che può “replicare” tutta l’infrastruttura IT del cliente (applicazioni e dati) entro 15 minuti da un evento di downtime. La sicurezza dei dati è ancora più efficace grazie alla protezione dati multistrato sempre attiva a livello di hard disk, file e VM, oltre che alla capacità di creare fino a 1440 backup automatici/giorno per ogni applicazione, che offrono un livello di protezione eccezionale contro il danneggiamento dei dati. Tutti i prodotti della serie utilizzano i più recenti Processori V4 Xeon per il calcolo ad alte prestazioni e le innovazioni delle tecnologie NAND flash.

Alessandro Freddi, Syneto
Alessandro Freddi, Syneto

Grazie ai meccanismi di cache di Syneto, che memorizzano i dati nella cache in vari tipi di supporti storage, le applicazioni virtuali usufruiscono di performance da 5 a 20 volte più alte rispetto alle infrastrutture IT tradizionali. Inoltre, i prodotti sono dotati di una connessione di rete integrata da 10Gb definita da software tra applicazioni e storage, il che aumenta ulteriormente le performance ed elimina la necessità di acquistare altri costosi hardware di rete. Le applicazioni aziendali che necessitano di maggiori performance possono essere ospitate su livelli all-flash separati per offrire prestazioni realmente innovative.

“I sistemi iperconvergenti raggiungeranno nei prossimi 5 anni il 24% del mercato. Secondo i dati Gartner, entro 2020 il 10% dei sistemi storage avranno funzionalità di auto-protezione, eliminando la necessità delle applicazioni di backup. Oggi però solo il 2% dei sistemi storage hanno questa funzionalità” – ha sottolineato Vadim Comanescu, ceo di Syneto. Con la  nuova HYPER Series 3000, Syneto rende accessibili i benefici dei sistemi iperconvergenti alle PMI italiane, puntando su soluzioni tecnologiche avanzate, facili da utilizzare per i clienti e facili da vendere per system integrator, corporate dealer e VAR”.

Autore: Channelbiz
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore