Tecnet Dati e CA: l’importanza del dato è questione di stile

Strategie

Con Tecnet Dati premier partner di Ca Technologies per ERwin si è fatto il punto sul data governance e il valore del dato. Lanciata la nuova versione 9.6.1 e definito un nuovo Ca partner channel

Da gold a premier partner, il passo è breve. Stiamo parlando di Tecnet Dati che sta per diventare premier partner di Ca Technologies per ERwin o meglio “sta trattando con Ca”, secondo le informazioni trasmesse da Renato Comes, sales & marketing director di Tecnet Dati, durante un evento per presentare la nuova release Erwin 9.6.1. La base di partenza è il dato e il valore estrinseco e intrinseco che questo dà in azienda.

Se parliamo di governance – spiega Comes – parliamo di valore del dato. Oggi, il vero problema è trovare le informazioni giuste e la giusta governance. In azienda ci sono troppi marchi legati ai dati del sistema informativo e questo pone delle difficoltà alla strategia di governance. Se ci sono dati importanti per il business, questi vanno gestiti in coerenza con il loro valore e devono essere di qualità nel tempo. Inoltre – continua Comes –  devono avere una definizione e un contesto semantico condiviso da tutti, soddisfare i requisiti legali, amministrativi e gestionali loro richiesti, la qualità formale e semantica deve essere misurabile, devono avere policy di accesso oggettive e tracciate; e una persona o un ufficio che ne siano esperti responsabili”.

Renato Comes
Renato Comes

Parlare di Data governance oggi, sembra di fare un tuffo nel passato dove tutto sembra essere rimasto immutato. Ma cosa è realmente cambiato? Le motivazioni di business, per esempio, le normative, ma è soprattutto aumentata la paura dei big data. Tanto spesso osannati, come portatori di novità anche di business, oggi sembrano aver portato con loro una gran paura. Perché? Comes si spiega questo concetto con l’incertezza sul futuro.

Chi saprebbe definire oggi con esattezza quali benefici reali si avranno da una gestione che si definisca ‘buona’ dei big data? Nessuno lo sa e questo spaventa. Ma, d’altro canto, c’è maggiore disponibilità di frame work di riferimento, nuovi modelli organizzativi, figure professionali, processi e una migliore tecnologia da tre anni a questa parte, ossia da quando si annunciò la release 9.0 di Erwin. Ma come possono arrivare le aziende alla data governance, quando si percepisce che la sola qualità non basta se non è agganciata a qualche processo? Quali sono i tre pilastri della Data Governance? Processo, aspetto tecnico, aspetto di business. E qui nasce una nuova figura, il Cdo (Chief Data Officier) che non è una figura tecnica, ma anche legale, investigativa, è una figura consulenziale che sta tra il top management, gli azionisti e chi lavora al programma di governance.

Facendo un po’ di storia, Erwin di Ca Technologies è la soluzione per il Data modeling all’interno di progetti applicativi. Ma non solo perché è anche una soluzione per condividere, riutilizzare, standardizzare l’intero processo di data management che è alla base dell’Enterprise data governance. Ma cosa può fare oggi? E’ articolata su vari moduli: data modeler workgroup, data validator, navigator e web portal. Magdalena Kuberacka di Ca Tecnologies ha tracciato un quadro dalla versione 9.a di Erwin fino alla 9.1 lanciata a maggio 2013 e oggi la versione 9.6.1. Inoltre, un nuovo CA partner channel dal quale si vuole portare ai partner novità e dai quali, CA pretende qualità e supporto. Kuberacka spiega proprio che Tecnet Dati è premier partner di Ca. Ma quali novità la release 9?

Mariano Iachini
Mariano Iachini

Mariano Iachini, che dal 2011 si occupa di formazione, supporto e sviluppo di soluzioni per la data governance con Ca Erwin data modeling, spiega che un miglioramento sta nella workgroup edition, c’è poi stata una rivisitazione dell’applicazione, la possibilità di esportare e collaborare tra utenti. Con la versione 9.6, Iachini spiega che c’è un grosso aiuto sulla reportistica e, infine una novità sul glossario di business.

Per le prossime release Iachini spiega il supporto per l’architettura a 64 bit e il mantenimento del supporto per 32 bit, così come l’internazionalizzazione, e nuove altre funzionalità per eseguire forward e reverse engineering via Api.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore