Tecnocael: soluzioni e mercati di nicchia per affrontare la crisi

Strategie

Cristina Sinigaglia, responsabile marketing e Alvise Sinigaglia, business and development manager di Tecnocael, spiegano la strategia della società: accordi strategici per portare soluzioni ai partner senza trascurare i mercati di nicchia

Dinamicità e spinta a ricercare nuovi mercati, anche di nicchia, che sostengano il business durante il periodo economico che stiamo attraversando. Sono questi, in sintesi, i punti fermi sottolineati da Cristina Sinigaglia, responsabile marketing e Alvise Sinigaglia, business and development manager di Tecnocael.

La strategia di Tecnocael è portare soluzioni alla clientela, convinti del fatto che portare il solo prodotto, non sia una strategia vincente, soprattutto in un periodi di crisi perpetua. E così, va in questa direzione l’ultimo accordo siglato con Acti, che, va a completare un quadro legato alla sicurezza e, in particolare il settore della videosorveglianza. “Mentre in passato potevamo pensare di lasciare scoperta qualche segmento di offerta – spiega Cristina Sinigagliaora abbiamo cercato di coprire il più possibile, anche le nicchie. Il settore della videosorveglianza già ci apparteneva – spiega – ma, nel 2009, lo abbiamo arricchito grazie all’accordo di distribuzione con Seetec, attivo nel software per la videosorveglianza e abbiamo continuato su questo fronte affrontando anche la produzione di Q Nap, per la parte videoregistratori Ip, che si correlano perfettamente con le telecamere di Panasonic che già distribuiamo. Allo stesso tempo – prosegue – sempre lo scorso anno abbiamo siglato un accordo con Tekno System per la parte delle custodie e l’accessoristica per le telecamere, così come l’accessoristica destinata alle telecamere per riprese marine. Questi sono solo alcuni esempi di accordo – spiega Cristina Sinigaglia che ci hanno permesso di realizzare progetti e offrire soluzioni ai nostri clienti”.

Alvise Sinigaglia, business and development manager di Tecnocael

Tecnocael ha ascoltato le esigenze della clientela, ha testato le soluzioni e ha trovato riscontri positivi con altri applicativi e brand, per esempio lato storage. “Il cliente cerca soluzioni – conferma Alvise Sinigaglia e necessità del supporto del distributore in pre e post vendita per avere sotto mano la soluzione completa. Siamo partiti con prodotti di networking e, strada facendo, i clienti avevano bisogno di visione più allargata del settore. Inoltre, i clienti apprezzano il fatto che realizziamo eventi durante i quali mostriamo le soluzioni funzionanti”.

Con un mercato come quello in cui ci troviamo da un anno e mezzo a questa parte stare fermi è impossibile – spiega Cristina Sinigaglia pertanto ci siamo domandati quali spunti raccogliere per far crescere anche i partner e abbiamo capito che proporre o mostrare soluzioni funzionanti fidelizza noi, come distributore nei confronti del partner e, al contempo, il partner riesce a fornire ai propri clienti un pacchetto completo. In questo quadro, il vendor non resta alla finestra ma lavora con l’installatore per stimolare la domanda. Noi siamo il collettore tra il vendor, che propone soluzioni , e gli installatori, i dealer e i system integrator che ricevono così soluzioni complete”.

Cristina Sinigaglia, responsabile marketing Tecnocael

Tecnocael ha sede in Veneto ma ha aperto anche due sedi una a Torino e una a Roma. E proprio su quest’ultima si concentra il pensiero di Alvise Sinigaglia.Questa filiale è riuscita a portare a casa buoni risultati”, spiega “a Roma ci sono grosse realtà che lavorano con la pubblica amministrazione che ha risentito meno della crisi del 2009, a differenza di un territorio come il nord est dove la prevalenza è fatta di piccole realtà che hanno risentito maggiormente dei contraccolpi della crisi”.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore