TEST: Acer F900

Prodotti

Acer F900 unisce processore Samsung S3C 6410 a 533 MHz con il sistema operativo Windows Mobile nella versione 6.1: è uno smartphone professionale che se offre caratteristiche e soluzioni software eccellenti, registra tuttavia limiti di utilizzabilità da valutare con attenzione

Acer F900 (117,5×63,5×12,8 mm, per 150 grammi di peso)  è uno smartphone di fascia alta e uno dei primi modelli annunciati da Acer già al Mobile World Congress di Barcellona 2009 e ora finalmente disponibili. Funziona con Windows Mobile 6.1 ed è equipaggiato con un processore Samsung a 533 MHz, non è il più veloce oggi disponibile (vedi anche Video Test Toshiba TG01), ma nemmeno limita le prestazioni. Diverso il discorso per la memoria in dotazione che è di 128 Mbyte per quanto riguarda la RAM e di 256 Mbyte per quanto riguarda la ROM. Acer F900, dopo l’installazione dei dati e dei pochi software con cui abbiamo testato gli ultimi dispositivi Windows Mobile, ci ha segnalato la capacità di storage saturata e i 128 Mbyte sul dispositivo, destinati all’archiviazione, non erano più sufficienti per memorizzare altri dati, nonostante abbiamo cercato file di dimensione superiore ai 64 KB per trasferirli eventualmente sulla schedina microSD, che comunque non è compresa nella confezione.

 

Nessuna sporgenza in Acer F900, ma tasti luminosi a sfioramento

 

 

E’ un limite non da poco, perché F900 è stato da noi provato con una configurazione tipica proprio di chi lavora, con cui abbiamo messo alla prova tutti gli smartphone Windows Mobile 6.1  più recenti. Ed è un vero peccato perché le altre caratteristiche hardware sono più che soddisfacenti: display da 3,8 pollici WVGA TFT LCD con touch screen resistivo (800×480 pixel), fotocamera da 3,2 Megapixel con autofocus, connettività Hsdpa di Categoria 8 e HSUPA di Categoria 5, Bluetooth 2.0 con EDR, GPS SiRFstar III, accelerometro, sensore di luminosità e – nel dispositivo con OS in lingua inglese – era presente anche il ricevitore radio FM che si avvia, riceve e memorizza le stazioni radio anche senza dover inserire le cuffie che fungono generalmente da antenna.

 

Sul profilo destro trovano spazio il controllo volume e l’alloggiamento per le schedine microSD, la scheda non è inclusa nella confezione

 

 

La vista frontale di Acer F900 è decisamente elegante: non ci sono tasti ma quattro comandi a sfioramento compreso il tasto per avviare il menu di Windows Mobile. Il display non è particolarmente fluido, ma le prestazioni sono in linea con quelle di tutti i touch resistivi in circolazione, fatta forse salva l’eccezione di Toshiba TG01, che però è anche molto più ampio. Sul fianco sinistro dall’alto si nota la presa mini USB 2.0 standard (punto di forza) e il pulsante di accensione, sul fianco destro invece il sistema di controllo del volume del dispositivo, l’alloggiamento per le schedine di memoria (bene che l’accesso sia esterno), il tasto di Reset software (comoda la sua collocazione che non costringe ad aprire il coperchio della batteria), e infine il tasto per avviare il software della fotocamera. All’interno, la batteria è bloccata da un perno e garantisce una durata di circa mezza giornata di lavoro con il WiFi sempre acceso.

 

Soluzione insolita quella del tasto di blocco/sblocco della batteria, se non posizionato correttamente ostacola la chiusura dello smartphone

 

 

F900 è personalizzato con interfaccia proprietaria Acer UI 2.0 che mostra, insieme a qualche limite, alcune delle caratteristiche migliori in assoluto e queste meritano davvero una segnalazione perché la maggior parte dei device di altri produttori non ne dispone.

La più importante di tutte sono le Utilities, e tra queste il Communications Manager. E’ la prima volta che viene fornito anche con il tasto di controllo che non solo tronca il traffico dati quando si chiudono le applicazioni Windows Mobile che lo richiedono, ma addirittura consente di NON collegarsi anche se inavvertitamente queste applicazioni rimangono attive o vengono attivate. Una vera chicca.

Al primo avvio Acer F900 chiede all’utente l’avvio e installazione di una serie di software proprietari, tra cui la propria Shell

Così come anche il sistema di Application recovery e l’utility di Backup semplice e utile. Non solo: Acer ha ridisegnato anche il task manager (Zoom Status) cui si accede con il solito micro-pulsante in alto a destra facendolo diventare uno dei migliori che abbiamo testato: con un Wizard che consente il controllo granulare delle applicazioni aperte, ma anche del volume, senza visualizzare nemmeno Windows Mobile. Peccato non sia stato finito il lavoro evitando di passare da Windows Mobile anche per il controllo della connettività che rimanda invece al Communication Manager con l’interfaccia del sistema operativo, decisamente meno gradevole di quello implementato da Acer. Buono anche il tool per impostare tutti i parametri di connessione a seconda dell’operatore.

 

Tra le possibili configurazioni Acer F900 prevede non solo la possibilità di impostare la sensibilità dell’accelerometro per cambiare l’orientamento della schermata, ma anche con quali applicazioni si deve attivare. Non è da poco, e a noi ha consentito di sperimentare una miglior reattività. In questo caso migliore sia di quella testata su Toshiba TG01, sia sugli ultimi HTC.
Molto meno bene invece la schermata di benvenuto di Acer UI 2.0, vuole essere chiara ma è un po’ infantile e confusa, e il tastierino digitale è maggiorato (rispetto a quello standard), ma non all’altezza di quello dei competitor, come sugli ultimi Htc /TouchPro 2 e TouchDiamond 2. Eccellente il software per la fotocamera e la qualità della stessa.
Acer F900 non consente di effettuare le videochiamate, e nessuno ne sente la mancanza su un device di questo tipo.
Per le applicazioni software invece si sente la mancanza di un lettore di feed RSS.

Dotazione ottima quella della confezione: troverete lo smartphone, la batteria, una custodia morbida, ma anche una pellicola salvaschermo e lo stilo di riserva, oltre a doppio Cd con manuale d’uso, ma anche Outlook 2007 in versione di prova, cavo di collegamento con il PC, cuffie e microfono. Non è inclusa la scheda microSD, considerata la capacità del device è un limite.

Acer F900 è disponibile in Rete a un prezzo intorno ai 400 euro (Iva inclusa)

 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore