TEST: Htc Wildfire

Prodotti

Smartphone HTC con sistema operativo Android 2.1, display touch da 3,2 pollici e processore da 528 Mhz. Interessante il prezzo (meno di 300 euro) a fronte di tutto ciò che serve per multimedialità e social network

La famiglia di smartphone HTC cresce e ai già testati Desire, Legend e Hero si aggiunge ora Wildfire: nasce come telefono per chi vuole divertirsi, navigare e vivere costantemente in contatto con i propri amici, tramite email, chat e social network, da Facebook a Twitter a Flickr. A rendere il tutto semplice da usare e adattabile alle proprie esigenze ci pensa il sistema operativo, che è Google Android nella versione 2.1 Eclair. Veloce quanto basta per non notare rallentamenti nelle operazioni più comuni, è dotato di interfaccia HTC Sense per rendere ancora più gradevole e semplificato l’utilizzo del telefono.

Htc Wildfire, in evidenza il joypad ottico per navigare tra i menu e selezionare mediante pressione. Ad esso si aggiungono quattro pulsanti a sfioramento retroilluminati in condizioni di scarsa luminosità ambientale

Htc Wildfire, in evidenza il joypad ottico per navigare tra i menu e selezionare mediante pressione. Ad esso si aggiungono quattro pulsanti a sfioramento retroilluminati in condizioni di scarsa luminosità ambientale

Descrizione

Htc Wildfire non sembra, al primo sguardo, molto diverso dagli altri modelli che lo hanno preceduto e che compongono la famiglia degli smartphone touchscreen di Htc. Vediamo come si presenta: la scocca è solida e robusta al tocco, dimensioni compatte (60,4×106,75×12,19 mm) e peso abbastanza contenuto (118 grammi con batteria inserita; il display touchscreen capacitivo ha una diagonale di 3,2 pollici con risoluzione QVGA 320×240 e lascia spazio sulla parte frontale a quattro pulsanti a sfioramento (home, menu, indietro e ricerca) oltre ad un pratico joypad ottico – anch’esso a sfioramento – che agevola la navigazione tra i menu interni e quando si consultano pagine Web. Il profilo destro è libero da pulsanti, mentre su quello opposto troviamo un unico tasto a due vie per la regolazione del volume, accanto alla presa micro USB per il caricabatteria e il collegamento al pc per la sincronizzazione dei dati. Sul profilo superiore si trova il pulsante di accensione e la presa per gli auricolari. Infine la back cover ospita l’obiettivo della fotocamera da 5 megapixel corredato dal flash. Lo slot per la Sim è posto sotto alla batteria, che deve quindi essere necessariamente essere rimossa per potervi accedere. La scheda di memoria, invece, può essere inserita lateralmente anche a batteria inserita.

Lo slot per la microSD è posto sotto alla back cover e non richiede la rimozione della batteria

Lo slot per la microSD è posto sotto alla back cover e non richiede la rimozione della batteria

Dotazione hardware

Wildfire è equipaggiato con un processore meno performante (528 MHz) rispetto agli altri smartphone Htc, ma per i compiti cui è chiamato a rispondere risulta più che sufficiente. La memoria interna è di 512 MB cui si possono aggiungere schede microSD fino a 32 GB. Per quanto riguarda le connettività ci troviamo di fronte a un quad band (GSM 850/900/1800/1900 MHz e HSDPA/WCDMA: 900/2100 MHz), traffico dati EDGE fino a 560 kbps, WiFi 802.11 b/g e Bluetooth 2.1 con EDR. Come detto in precedenza, Htc Wildfire è dotato di fotocamera da 5 megapixel con flash e autofocus, oltre alla funzionalità di geotagging che permette di identificare il soggetto di una fotografia con le coordinate esatte che ne definiscono la posizione. Questo è possibile grazie al ricevitore GPS integrato che si appoggia a Google Maps per la cartografia e il calcolo degli itinerari.

 

Dotazione software

Htc Wildfire è l’ennesimo smartphone Htc equipaggiato con sistema operativo open Google Android nella versione 2.1 Eclair: valgono per questo telefono tutte le considerazioni già espresse per gli altri smartphone legate alla flessibilità, alla possibilità di personalizzare l’interfaccia e di creare uno strumento secondo le proprie necessità grazie alla semplicità con cui si possono scaricare e installare nuove applicazioni e widget direttamente da Android Market. L’interfaccia nativa è HTC Sense di cui abbiamo parlato già in altre nostre recensioni: si segnalano le cinque pagine in cui è suddivisa la schermata principale in modo tale da poter avere subito a disposizione le applicazioni più utilizzate o i feed per le notizie o gli aggiornamenti dai social network. E a proposito di social network troviamo tra le applicazioni preinstallate FriendStream, cui abbiamo dedicato un VIDEO all’interno della prova di HTC Legend. L’abbiamo detto all’inizio di questo articolo, Htc Wildfire nasce come telefono “social” perché gran parte della sua potenzialità si esprime la meglio quando si accede al proprio profilo su Facebook o Twitter o Flickr: la condivisione di foto e applicazioni viene quasi naturale, e una nota particolare merita quest’ultimo aspetto.

Luoghi è l'applicazione preinstallata che consente di visualizzare punti di interesse geografici e turistici: hotel, bar, ristoranti, bancomat...

Con Luoghi è possibile visualizzare luoghi di interesse (hotel, bar, ristoranti, bancomat, monumenti…) con relative informazioni quali indirizzi completi, distanza ed eventuali commenti degli utenti

Tra le voci del menu principale si trova Condivisione: se attivata mostra l’elenco delle applicazioni scaricate da Android Market e installate sul proprio Htc Wildfire e con un solo tocco è possibile condividerle (per l’esattezza viene postato un link) su Facebook o Twitter per far sapere ai nostri contatti che stiamo utilizzando quella applicazione e che ne consigliamo il download. Altra funzionalità strettamente legata ai social network è Cal
ler ID
: è possibile collegare un contatto della rubrica (ma solo se questo è memorizzato sulla memoria del telefono e non sulla Sim) a un profilo su Facebook o Twitter: una volta effettuato il collegamento (per la procedura guarda il video) si potrà leggere lo status più recente del contatto mentre si effettua una chiamata al suo numero o si riceve una telefonata da lui. Da segnalare l’applicazione Luoghi: rilevata la propria posizione (tramite rete Wirless o ricevitore GPS) è possibile visualizzare ristoranti, bar, hotel, bancomat e altri punti di interesse. Per ciascuno di essi sono fornite informazioni circa la distanza dal punto in cui ci si trova, indirizzo completo, giudizio degli utenti ed eventuali commenti.

 

Esperienza d’uso e giudizio

Ormai di smartphone con Android ne abbiamo provati diversi e le qualità del sistema operativo di Google sono sempre le stesse. Non fa eccezione Htc Wildfire, che si conferma semplice da usare, dalla configurazione degli account all’accesso a Internet, dalla gestione delle connessioni alla personalizzazione dell’interfaccia. Htc Wildfire è veramente un telefono per tutte le tasche, sia dal punto di vista delle dimensioni che per quanto riguarda il prezzo: con meno di 300 euro ci si può portare a casa uno smartphone con tutte le funzionalità di cui si può aver bisogno per gestire i propri contatti, navigare e, perché no, anche consultare la posta aziendale (supporta sincronizzazione con Microsoft Exchange). Il processore da 528 MHz non deve essere motivo di preoccupazione: non abbiamo registrato infatti rallentamenti o ritardi nell’utilizzo del telefono.

Htc Wildfire è uno smartphone con display touchscreen capacitivo da 3,2 pollici e fotocamera da 5 megapixel sul retro

Htc Wildfire è uno smartphone con display touchscreen capacitivo da 3,2 pollici e fotocamera da 5 megapixel sul retro

Buona la qualità del display che, lo ricordiamo, è un touchscreen capacitivo da 3,2 pollici di diagonale: risposta pronta e reattiva e colori brillanti. Una nota sulla funzionalità Caller ID: abbiamo seguito la procedura per collegare i contatti in rubrica ai profili su Facebook (guarda il video), ma quando abbiamo ricevuto una chiamata da un contatto non siamo riusciti a visualizzare il suo status. In realtà il problema riguarda la velocità di aggiornamento delle informazioni, che non avviene in tempo reale, ma richiede diverso tempo per la sincronizzazione. Da rivedere e magari migliorare con un aggiornamento di Android.

Nella scatola

La confezione di vendita di Htc Wildfire comprende lo smartphone, la batteria agli ioni di litio da 1300mAh, cavo dati Usb-micro Usb per il collegamento al computer, adattatore per presa di corrente (Usb), auricolari con spugnette e clip per fissare il filo ai vestiti.

Htc Wildfire si trova intorno ai 299 euro.