TEST: Logitech Wireless Solar Keyboard K750

Prodotti

L’energia solare è sufficiente, Logitech Wireless Solar Keyboard K750 funziona grazie alle sue celle, e per l’installazione basta inserire un dongle Usb nel portatile

Basta inserire il minuscolo ricevitore Logitech Unifying nel laptop e si può iniziare a lavorare con questa tastiera ultrasottile che funziona grazie all’energia solare. Se utilizzate un desktop meglio sfruttare anche l’apposito distanziatore USB per evitare interferenze radio. Logitech Wireless Solar Keyboard K750 non dà altre preoccupazioni, perché basta la luce presente in una stanza di media luminosità per garantirne il funzionamento. Nel dubbio, tramite un apposito pulsante sul piano della tastiera (a fianco del pulsante di accensione), si può verificare se l’energia in un determinato momento è sufficiente. Una pila di alimentazione in realtà c’è, si tratta di una batteria tampone, ed è di servizio per poter compiere la verifica anche quando l’energia solare è del tutto assente, ma non è comunque sostituibile dall’utente. Sul manuale di istruzioni è espressamente dichiarato e sono riportate solo le indicazioni per la sua eliminazione prima dello smaltimento.

Nella confezione trovate poco altro: solo il panno per la pulizia. Anche la documentazione per Logitech Wireless Solar Keyboard K750 va scaricata dal Web. Poi basta accendere la tastiera che diventa subito operativa.

Tanto per dare un’idea: una volta che le batterie solari si sono caricate al massimo, a livello teorico si può utilizzare la batteria anche per tre mesi al buio. Se siete veri Geek potete installare anche Logitech Solar App, un’applicazione che verifica il livello di luce presente e offre informazioni sulla quantità di energia ancora disponibile, come sulle possibilità di gestione dell’energia rimanente. Infine, se avete a disposizione altri device Logitech Wireless, potete farli riconoscere dal vostro ricevitore Logitech Unifying tramite il software omonimo.

La tastiera è comoda da utilizzare grazie ai tasti leggermente concavi per accogliere i vostri polpastrelli. Invece i tasti funzione e quelli di servizio sono lievemente convessi. Sono ridotti al minimo essenziale i tasti per i controlli multimediali, e sono associati ai tasti funzione (F5, etc.). E’ un vero peccato che Logitech non abbia pensato a un sistema di retroilluminazione, proprio considerate le proprietà dichiarate di buona autonomia anche in assenza di luce. Sì, perché al buio in realtà non si riesce ad usarla. Sui tasti è evidente infatti l’applicazione dei ‘trasferelli’, di qualità ma pur sempre tali. Meglio sarebbe stato fornire un sistema di retroilluminazione con plastica semitrasparente.
Questo considerato anche che la tastiera non costa poco. Annunciata già a fine 2010 Logitech Wireless Solar Keyboard K750 è disponibile ora nei negozi a un prezzo consigliato di 80 euro. E’ il prezzo dell’eleganza, e della novità. Basta pensare che – rinunciando a entrambe – con questa cifra si possono acquistare circa una decina di tastiere tradizionali.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore