Toshiba porta Intel Core di settima generazione sui laptop professionali

Prodotti

Arrivano nel primo trimestre di quest’anno gli aggiornamenti per le serie laptop Toshiba Tecra, Portégé e Satellite con Intel Core di settima generazione

Anche la lineup di dispositivi per il computing e il business di Toshiba si aggiorna, sia nelle serie Satellite Pro, sia Tecra e Portégé. Arrivano insomma i laptop con i processori Intel Core di settima generazione nelle tre serie che dovrebbero garantire più autonomia e una migliore gestione delle applicazioni.
I nuovi modelli arriveranno nel corso del 2017 e si parla di Portégé A30-D, Tecra A40-D, Tecra A50-D e Tecra Z50-D. Per quanto riguarda i Satellite Pro ecco in arrivo l’aggiornamento dei seguenti modelli Satellite Pro A30-D, A40-D e A-50DSatellite Pro R40-D e R50-D.

Toshiba Portégé A30-D
Toshiba Portégé A30-D

ll modello Portégé A30-D mantiene il suo design tradizionale e con un peso intorno a 1,5 Kg vanta la caratteristica di inserirsi in modo flessibile in ogni ambito lavorativo. Infatti include ancora una presa VGA, la presa Hdmi standard almeno 3 porte USB 3.0, e si distingue anche per l’autonomia che dovrebbe arrivare alle 15 ore lavorative (ci sembrano tantissime e sarà interessante provarlo sul campo).

Toshiba Tecra Z50-D
Toshiba Tecra Z50-D

La serie Tecra, con il modello Z50-D, è la proposta di laptop con display da 15 pollici (il modello A40-D ha invece la diagonale da 14″). In questo caso si tratta di un laptop da desktop replacement, e non lesina nulla in fatto di prestazioni e potenza. Consente la scansione dell’impronta digitale e prevede autenticazione opzionale a due fattori. I modelli Satellite Pro aggiornati sono pensati per le piccole e medie imprese, per l’ambito education e proprio le nostre PMI. Si distinguono per i prezzi accessibili, e si prestano proprio per la vita in mobilità.

Toshiba vanta tra i punti di forza delle proprie serie lo sviluppo del BIOS proprietario e tutte le opzioni di sicurezza anche di doppio livello controllate in house, così si elimina il rischio di interferenze e di malfunzionamenti quando si tratta di integrare soluzioni di diverse parti. Tutti i modelli citati dovrebbero essere disponibili anche in Italia entro la fine del primo trimestre (Marzo 2017). 

WHITE PAPER: Sei interessato ad approfondire l’argomento?  Scarica il whitepaper  “Migliorare la customer experience nel mondo mobile”

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore