Trend Micro sforna la soluzione che fa risparmiare le Pmi

News

Si chiama SafeSync for Business la nuova soluzione che Trend Micro lancia sul mercato e permette alle Pmi o alle aziende con uffici decentrati, di proteggere, condividere e sincronizzare i dati da remoto

Trend Micro alza il sipario su SafeSync for Business e la sicurezza per le Pmi si tinge di risparmio.

Almeno è questo uno degli intenti di Trend Micro che, con il lancio di questa soluzione, punta alla protezione, condivisione e sincronizzazione dei dati da remoto ed è destinata, in particolare, al mondo delle Pmi e delle aziende con uffici decentrati dove da un lato manca personale It per la gestione locale dello storage e delle attività di backup e ripristino dei dati e dall’altro si sente la pressione di quella che Gartner ha definito consumerizzazione dell’IT con l’ingresso in azienda di personale che vuole utilizzare dispositivi mobili nati per il mondo degli utenti privati.

La soluzione permette la condivisione delle cartelle e porta ad agevolare la collaborazione interna ed esterna all’azienda consentendo la consultazione dei documenti in qualsiasi luogo e momento.

Tutto questo si traduce in una riduzione dei costi perché, secondo Trend Micro, elimina la necessità di di dotarsi di onerose e complesse risorse storage all’interno dell’azienda. Questa, secondo la società, potrebbe essere la probabile ragione del mancato utilizzo dei server da parte delle Pmi. “Condivisione delle informazioni, accesso possibile ovunque e tramite disco virtuale o Internet in modo automatico e istantaneo”, sono queste alcune delle considerazioni che Maurizio Martinozzi, manager sales engineering  di Trend Micro, ha fatto durante la presentazione della soluzione. Martinozzi e Denis Cassinerio, Senior manager volume channel sales, hanno sottolineato come la strada scelta da Trend Micro sia quella di realizzare una soluzione di backup, sincronizzazione dei dati e loro condivisione in azienda per gruppi di lavoro in un’ottica di collaborazione attraverso l’uso di agenti software sui client e la creazione di un disco virtuale locale sincronizzato via cloud con i sistemi protetti dei data center di Trend Micro.

Come spiegano i tecnici di Trend MicroSafeSync provvede anche a tenere una copia sempre aggiornata dei dati all’interno del cloud, permettendone l’accesso da qualsiasi dispositivo Web-enabled o il ripristino in caso di errore o guasto hardware”. Le attività di scambio dei file nella nuvola sono affidate alla sicurezza di un sistema di crittografia a 256 bit.

SafeSync for Business è in grado di sostituire o integrarsi con sistemi di backup già esistenti. La gestione degli account è centralizzata, mentre va sottolineato che la sincronizzazione avviene per file e non per cartelle. E’ consentito il ripristino di versioni precedenti ed eliminate.

Le ragioni di mercato vanno ritrovate in uno studio di Trend Micro che ha messo in evidenza come il 42% delle aziende con un parco macchine compreso fra 3 e 10 PC riferisca di non possedere alcun file server. D’altro la canto la metà circa (45%) delle piccole imprese non dispone di metodi per eseguire il backup dei dispositivi utilizzati. Sono circa 700 mila gli utenti che già utilizzano SafeSync.

Per proporre la soluzione attraverso il suo canale di rivenditori Trend Micro punta a una sensibile semplificazione del listino che prevede un prezzo iniziale di 50 GB per utente a 66 euro. A confronto la versione consumer , meno sofisticata, prevede 20 GB a 29,95 euro.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore