Un inventario mal gestito fa perdere più dell’8% delle vendite

Retail
magazzino, impresa@shutterstock
0 0 Non ci sono commenti

La ricerca “Inventory Optimization” di EKN Research per conto di Tyco Retail Solutions ha evidenziato come il 50% dei retailer intervistati non sia in grado di fornire una visione unica delle proprie scorte di articoli, con il rischio che le vendite possano diminuire fino all’8,2% rispetto ai volumi totali

Come stanno gestendo, i retailer, le sfide del retail multi-canale? Siano in grado di soddisfare le esigenze in continua evoluzione dei propri clienti? A queste e altre domande ha cercato di dare una risposta una recente ricerca di EKN Research per conto di Tyco Retail Solutions, parte di Johnson Controls.retail, scaffale, gdo, gds@shutterstock

Per soddisfare il cliente moderno in ogni momento e in ogni luogo, è fondamentale disporre di un inventario completo, ma a tal fine è necessaria una visibilità accurata in tempo reale. La ricerca “Inventory Optimization” ha evidenziato come il 50% dei retailer intervistati non sia in grado di fornire una visione unica delle proprie scorte di articoli, con il rischio che le vendite possano diminuire fino all’8,2% rispetto ai volumi totali, il tutto per una mancata accuratezza dell’inventario.

Questa carenza di visibilità può essere fonte di gravi problemi per i retailer, soprattutto in periodi di shopping intenso come quello attuale per gli acquisti di Natale. Dato che acquisti online e offline continuano a rubarsi la scena a vicenda, per le prossime festività le esigenze dei clienti richiedono un elevato livello di disponibilità dell’inventario, che può essere garantita solo attraverso un accesso in tempo reale ai dati a esso relativi. Quando i livelli di scorte di articoli nel punto vendita scendono notevolmente al di sotto dell’85/90%, le vendite e la soddisfazione del cliente sono a rischio, dato che se si verificano situazioni di “out of stock”, l’impatto negativo sulle spese natalizie è reale.retail@shutterstock

“Un monitoraggio preciso e l’ottimizzazione dell’inventario sono fondamentali nel supporto dell’operatività dei retailer nell’era della multi-canalità”, afferma Andrea Natale, marketing manager di Tyco Integrated Fire & Security.Dato che i retailer cercano di porre maggior risalto sulla customer experience, il conoscere con esattezza le quantità di articoli nel punto vendita può aiutare a gestire efficacemente le richieste del cliente a livello di articolo, store e canale. Questo aspetto è più importante che mai, se si considera che soprattutto in periodi come quello natalizio i clienti si affidano a modalità di acquisto online con ritiro nel punto vendita (Buy Online Pick-up In-Store – BOPIS)”.

Quando si tratta di adottare nuove modalità di acquisto, i clienti di oggi viaggiano alla velocità della luce. Per stare al passo, 7 retailer su 10 dichiarano di voler migliorare il completamento dell’ordine al giorno stesso o a quello seguente e la rapidità delle spedizioni. Tuttavia sono necessarie precise informazioni sull’inventario a livello di articolo per una rapida evasione degli ordini e per consentire un efficace utilizzo delle modalità di acquisto multi-canale – quali per esempio il BOPIS o la spedizione dal punto vendita – che aumentano sensibilmente durante le Feste. I risultati dell’indagine mostrano come la disponibilità dell’inventario sia un aspetto più importante che mai in vista del miglioramento delle attività di business e della customer intelligence. Con riferimento a quest’anno, il 40% degli intervistati ha in programma investimenti in tecnologie per la gestione dell’inventario.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore