Unidata entra nel progetto ELITE

News
Renato Brunetti

Unidata è stata selezionata da Borsa italiana per il programma ELITE, una piattaforma unica di servizi integrati capace di mettere a disposizione delle imprese competenze industriali, finanziarie ed organizzative per crescere e competere anche a livello internazionale

Unidata entra nel progetto ELITE di Borsa Italiana che supporta le PMI rendendole più competitive anche sul mercato internazionale. Unidata, azienda specializzata in soluzioni internet e telecomunicazioni, è risultata tra le aziende selezionate da Borsa italiana per il programma ELITE, una piattaforma unica di servizi integrati capace di mettere a disposizione delle imprese competenze industriali, finanziarie ed organizzative per crescere e competere anche a livello internazionale. E’ rivolta alle piccole e medie imprese italiane per supportarle verso il raggiungimento dei rispettivi progetti di business attraverso un processo di cambiamento culturale ed organizzativo per farle avvicinare ai mercati di capitali e migliorare i rapporti col sistema bancario, imprenditoriale e facilitare l’internazionalizzazione.

Renato Brunetti
Renato Brunetti

“Le PMI sono il motore trainante dell’economia del paese ma devono essere supportate per essere competitive nel mercato italiano e in quello estero soprattutto in un momento di crisi come questo – afferma Renato Brunetti, Presidente di Unidata – Essere tra le aziende che fanno parte di  ELITE rappresenta per una grande occasione e opportunità per poter migliorare la struttura interna e le  performance aziendali per poter essere ancora più competitivi nel mercato TLC ”.

Attualmente Elite è  composta da 150 aziende che vantano un fatturato medio di 150 milioni di euro e un tasso di crescita al momento dell’ammissione del 15 per cento annuo, parametri fondamentali e indispensabili per essera parte di questo progetto . Inoltre Ogni sei mesi, è previsto l’ingresso ad un gruppo che va dalle 20 alle 30 società. “Solamente il 3% delle società ELITE sono presenti nella regione Lazio, a fronte di un 36% di realtà lombarde e di un 16% di aziende del Veneto – Continua Brunetti – Questo dato rappresenta per noi un ulteriore motivo di orgoglio dato che rappresentiamo una importante realtà aziendale del Centro Italia e, al tempo stesso, conferma ulteriormente la necessità di intraprendere questo percorso formativo ed organizzativo unico in Italia”.

Il percorso ELITE è composto da tre fasi: la fase “Get Ready”, volta al cambiamento culturale ed organizzativo interno, la fase “Get Fit”, che prevede la messa in pratica dei concetti appresi nella prima fase e, infine, la fase “Get Value”, volta all’ottenimento di valore, oltre che tramite il continuo supporto marketing e comunicazionale, attraverso l’accesso ad una selezionata community internazionale. ELITE si avvale della consulenza di aziende, istituzioni e università italiane di primissimo ordine come Confindustria, ABI, l’Università Bocconi, il Ministero dell’Economia e delle Finanze e la London Stock Exchange Group Academy.

Il progetto ELITE nasce nel 2012 con l’obiettivo di sostenere le piccole e medie imprese italiane nel processo di crescita e apertura verso i mercati esteri, scaturisce dalla collaborazione con partner istituzionali e corporativi sia nazionali sia europei tra i quali: il Ministero dell’Economia e delle Finanze, Abi, Confindustria, Università Bocconi e Academy del London Stock Ex. Per partecipare al Progetto Elite, le aziende devono rispettare dei requisiti fondamentali: il forte orientamento alla crescita, un risultato operativo in percentuale sul fatturato maggiore del 5%, l’ultimo bilancio depositato in utile e un fatturato minimo di 10 milioni di euro. Una società certificata Elite è una società più attraente per i potenziali investitori e può cogliere esclusive opportunità di business e networking con private equity e investitori istituzionali, il sistema bancario, imprenditori e management di gruppi quotati e la rete di professionisti di Borsa Italiana al servizio delle imprese selezionate.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore