Var Group si fa più ‘social’ per essere più efficiente

News

Durante l’ultima convention Var Group a Viareggio, la società ha lanciato un nuovo modello organizzativo: il social company network, un ambiente var network aperto alla comunità presente sul territorio

Portare sul mercato una struttura snella ed efficiente. Non che questo vada a ribaltare quanto stabilito qualche anno fa, con la nascita di Var group, ma dà un segnale attraverso il quale, a fronte di un dimezzamento dello sforzo, si renda più efficiente la macchina. Questo, in sintesi, uno dei punti fermi che sono emersi a Viareggio, durante la conferenza organizzativa Var Group, esposti da Giovanni Moriani, amministratore delegato di Var Group.

Var Group ha una una previsione di crescita del 15%, per quest’anno, e organizzato nuove divisioni specializzate a supporto dei partner, oltre ad accordi siglati con Ibm, Sap, Openbravo e Infracom. “Con una previsione di crescita del 15% – spiega Moriani – è normale andare oltre e portare avanti un concetto di investimento su specializzazioni ad hoc. Abbiamo lanciato un sasso nello stagno per sensibilizzare e portare a tutto il nostro network la cultura del cloud”.

Per Var Group si tratta di un nuovo modo di organizzare il proprio network. Moriani cita spesso, la definizione del “fare sistema”. Il mercato italiano ricerca soluzioni complete e specializzate, attraverso i partner che, soprattutto in questo periodo di crisi, sanno portare le giuste offerte. Per questo motivo i partner possono portare le stesse soluzioni con una struttura più snella.

E’ per questo che Var Group ha spinto per un nuovo modello organizzativo: il Social Company Network. “Fino a poco fa questo Var network era utilizzato solo a livello interno. Da qualche giorno abbiamo deciso di aprirlo alla nostra comunità, per fare sistema efficiente su tutti i canali alle forze dirette che battono il territorio”.

“Durante l’evento a Viareggio – continua Morianiabbiamo ufficializzato la relazione con Openbravo, già presente da qualche anno e suggellata in seguito alla firma per il supporto alla piattaforma”.

Obiettivo della società è quello di portare a regime una situazione ancora oggi troppo segmentata. “La sfida per il futuro è fondere le eccellenze segmentate e separate che non non ci permettevano sufficiente copertura al mercato”, conclude  Moriani.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore