VIDEO TEST: Acer Aspire One D250-0DQk con Android

Prodotti

Sembra un netbook, ma è equipaggiato anche con Google Android. Aspire One D250 si può avviare con il sistema operativo di Google, oppure con il tradizionale Windows 7

Aspire One D250-0DQk è una delle diverse configurazioni con cui Acer mette a disposizione il proprio netbook D250-0DQk. La configurazione in prova lo distingue dalle altre per la possibilità, avviando Windows (Windows 7 starter edition, per la precisione), di configurare anche Android, che è precaricato sul netbook e che può essere lanciato come sistema operativo alternativo, gestendo il dual boot tramite l’applicazione Acer Configuration Manager per Android.

 

La configurazione hardware di partenza è abbastanza comunque per i netbook. Nello chassis dei netbook Aspire One D250, con una livrea a scelta tra quattro colori disponibili, è racchiuso quanto serve per il lavoro in mobilità, per poco più di un chilogrammo di peso (1,1 Kg) . Il display è un dieci pollici, LED LCD per una risoluzione massima 1.024 x660 e oltre alla presa di rete, al collegamento VGA per il display esterno e alle prese per cuffie e microfono, sono disponibili tre prese Usb e il lettore per le schedine di memoria (5 in 1), è in dotazione ovviamente la Webcam.  Il processore è Intel Atom N270 a 1,6 GHz e il netbook porta in dotazione 1 Gbyte di RAM, sufficiente per far girare la versione Starter di Windows 7.

Questa la schermata al primo avvio di Android. In alto a sinistra la linguetta da cliccare per tornare a Windows 7. In basso i Widget preimpostati. Si hanno a disposizione tre desktop differenti, si passa dall’uno all’altro usando le frecce direzionali sulla tastiera

I dati possono essere memorizzati su un disco fisso da 250 Gbyte, che abbiamo trovato partizionato in quattro parti: una partizione di ripristino del sistema, una partizione primaria da 4 Gbyte, quella da 102 Mbyte riservata al sistema e la più grande di Avvio da 216 Gbyte . Per quanto riguarda la connettività, segnaliamo subito che il netbook è ovviamente WiFi, ma non è supportato Bluetooth e questa specifica configurazione non prevede nemmeno il collegamento alle reti 3G con WWAN. Un vero peccato, considerato che Android è presentato con un’interfaccia del tutto simile a quella degli smartphone e la possibilità di sfruttare una SIM per il collegamento avrebbe ampiamente giustificato l’adozione del sistema operativo di Google.

Il pannello di controllo delle applicazioni di Android. Da qui si accede anche a una versione dedicata di App Store per scaricare altre applicazioni

 

Così invece Android può essere utilizzato come soluzione alternativa per la navigazione Web, per consultare la posta e lavorare con i file multimediali, oppure si può decidere di scaricare altre applicazioni da App Store, ma mancherà il comparto di comunicazione che si è abituati a utilizzare quando è presente il supporto WWAN e quindi anche la relativa parte di messaggistica telefonica (SMS). Il rischio è quello di trovarsi di fronte a un intelligente dual boot, mancante di quel tanto in più per farlo diventare davvero funzionale. Con l’interfaccia di Google Android, se si chiude il netbook e poi lo si riapre, si può riprendere a lavorare istantaneamente senza dover inserire alcuna credenziale. Tenetene conto, anche per la sicurezza.

Tastiera comoda, idem per il touchpad e in basso a destra la possibilità di accendere e spegnere la connettività WiFi tramite un pulsante dedicato

 

La Login e la Password della configurazione del vostro account Gmail, per esempio, sono memorizzabili già da Windows 7 e non andranno reinserite, una volta impostate invece le configurazioni per l’accesso alle reti WiFi, dovrete ricordarvi di replicarle anche con l’altro sistema operativo utilizzato. Per accedere al menu contestuale del sistema Android basta premere il tasto destro alla base del touchpad. In questo modo si possono aggiungere widget, modificare lo sfondo, cercare con Google nel sistema e sul web, visualizzare impostazioni e notifiche. Con Android tramite le frecce direzionali ci si sposta tra tre desktop diversi e in più sulla destra è sempre visibile una linguetta per richiamare il pannello di controllo di tutte le funzionalità. Da qui, selezionando App Store si potrà arricchire il proprio netbook con altre applicazioni scaricabili come si è già abituati a fare con il proprio smartphone Android.

In poco più di un Kg di peso, quanto serve per il lavoro di ufficio e il divertimento a casa, anche con Android. I limiti sono quelli tipici di questa categoria, a questo netbook però manca il Bluetooth

Non ci ha sorpreso positivamente la durata della batteria a tre celle. Un utilizzo intenso esaurisce la carica in poco più di due ore. Troppo poco per pensare a questo netbook come a un valido strumento per il lavoro in mobilità, anche solo di una mattinata intera. Buona invece la reattività di Windows 7 Starter edition anche se con un solo Gbyte di RAM a disposizione.

La dotazione software in dotazione nella partizione con Windows 7 Starter è standard. Si segnala la presenza di Microsoft Works e dei software Acer per la gestione nel tempo del netbook e, ovviamente, per la creazione dei dischi di ripristino iniziale (la raccomandiamo).

Acer Aspire One D250-0DQk con Android costa 299 euro.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore