Wildix, la strategia commerciale 2014 passa per l’Academy e nuovi partner in est Europa

News

Cloud, accordi con software house, nuovi partner e una nuova business unit, la Wildix Academy. Sono questi alcuni dei punti chiave che compongono la strategia commerciale di Wildix e sono stati raccontati durante la Wildix Convention 2014 che si è tenuta qualche giorno fa presso l’Università degli studi di Milano Bicocca

Cinque punti per tratteggiare le novità in ambito commerciale per il 2014 di Wildix.

Cloud, accordi con software house, nuovi partner e una nuova business unit, la Wildix Academy. Sono questi alcuni dei punti chiave che compongono la strategia commerciale di Wildix e sono stati raccontati durante la Wildix Convention 2014 che si è tenuta qualche giorno fa presso l’Università degli studi di Milano Bicocca. Bellumat_Osler_Perticaroli

Stefano Osler, ceo e Cristiano Bellumat, sales manager di Wildix, hanno spiegato queste novità. “Il primo punto della strategia è orientato al mercato estero. Vogliamo portare il consolidamento sui mercati e sui paesi dell’est. A questi paesi – spiega Bellumat – è interessata l’integrazione, la formazione con i partner e avremo, per questo, tre nuovi partner bulgari e, guardando a questi e alla tipologia di partnership, abbiamo tanti potenziali partner in Russia che potrebbero concretizzarsi come tali, sotto forma di start up, dal secondo semestre del 2014. Il secondo punto che vogliamo affrontare è il processo di integrazione tra Tlc e informatica. Si tratta di un mercato molto ampio, questo, di cui si fatica a capirne i confini. Partendo dalle competenze tecnologiche siamo riusciti ad allinearci al cambiamento e attraverso la nostra tecnologia riusciremo a portare risultati allargando il canale di vendita indiretto attraverso sinergie per le software house. Altro punto strategico è il cloud. Presenteremo un’offerta di cloud ibrido che rappresenta un’offerta dirompente che spezza le regole tradizionali che governano le offerte in cloud. Il quarto punto è legato ai carrier. Abbiamo sottoscritto un accordo e relativo impegno finanziario con Digitel per anticipare i tempi. Oggi i clienti finali devono affrontare alcuni problemi: vendite di tecnologie spacciate per It centriche senza che in realtà lo siano, inoltre, parliamo spesso di cloud, ma in realtà sembra che si stia replicando quanto si fece nel 1995. Porteremo la nostra tecnologia abbinata per anticipare il mondo del cloud del futuro. Questi passaggi, avverranno in un lasso di tempo, ma fino a quel momento, dobbiamo sottoscrivere le competenze del passato. Per questo – continua Bellumat – stiamo costituendo una nuova business unit, la Wildix Academy che avrà il compito di evolvere sia in area commerciale-marketing e sia tecnologica per il canale nella vendita indiretta e questo ci servirà perché potremo replicare all’estero questa esperienza”.

La business unit Wildix Academy sarà gestita da Moreno Perticaroli che porterà avanti le tipiche azioni del canale nonché la formazione. Il motto di Perticaroli è: “Comprensione per i partner, comprensione per la tecnologia come portatrice di vantaggi. L’obiettivo è portare avanti una scuola di formazione completa per i partner che possa aiutare loro a supportare i clienti anche attraverso la concessione di strumenti ad hoc”. Per entrare meglio nel dettaglio, nella prima fase spiega Perticaroli, “saremo sempre in aula poi continueremo attraverso l’e-learning per continuare a comunicare con i partner e per testare la loro reale conoscenza della tecnologia”.Convention_Osler

Osler parla di partner di novità nella ricerca degli stessi ma anche di selezione attenta. E, durante la convention, Osler ha presentato una novità, un access point, sviluppato con una società israeliana , che copra 3mila metri quadrati di superficie e consente di non interrompere il segnale. “Abbiamo spostato l’access pont in un luogo centrale del piano collegando 16 antenne , ma ne possono tenere fino a 32, e le sincronizziamo tra loro , a questo punto il terminale vede questo come una rete unica. Questo dispositivo sarà venduto da febbraio prossimo e di fatto va a risolvere il problema della progettazione della rete wi-fi”.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore