Xenesys aprirà a Brescia una società per il social marketing

News

Xenesys ha acquisito in Toscana una società per aprirne una nuova a Brescia, Gummy Industries, che si occuperà di consulenza, progettazione e vendita di soluzioni, servizi e infrastrutture It, punta sul social media marketing

Xenesys fa acquisti in Toscana e si prepara ad aprire una nuova società a Brescia.

L’azienda italiana che si occupa di consulenza, progettazione e vendita di soluzioni, servizi e infrastrutture It, punta sul social media marketing e apre a Brescia la nuova società Gummy Industries. La nuova partecipata della società toscana, che nell’ultimo anno ha concluso tre importanti acquisizioni societarie, vedrà operativa in primavera nel capoluogo lombardo la sua nuova line of business specializzata in social media marketing e digital PR, guidata da Fabrizio Martire e Alessandro Mininno.

L’attività della nuova partecipata di Xenesys offrirà i suoi servizi su tutto il territorio nazionale. L’organico di partenza sarà di cinque unità, con l’obiettivo di ampliarsi rapidamente nei prossimi mesi.
l social network, insieme al cloud, sono il futuro dell’IT: lo dicono tutti gli analisti, Gartner per primo – commenta Marco Iannucci, Presidente e Amministratore Delegato di Xenesys -. In un futuro non troppo lontano i meccanismi social saranno alla base del fare business per tutte le imprese, incidendo profondamente sui loro processi. Essere uno dei primi system integrator in Italia a investire con decisione in questo ambito ci rende particolarmente fieri”.

Il 2011 è stato l’anno di importanti acquisizioni societarie per Xenesys. Oltre a Gummy Industries, infatti, la società toscana è diventata socia maggioritaria (90%) di Bizeta Retail Solutions, società di Cormano (Milano), leader in Italia nel settore IT dedicato al fashion retail, di Maxima, società di Limena (Padova) specializzata in soluzioni mobile a servizio del fashion retail, e ha acquisito il ramo d’azienda dedicato ai servizi ICT di Irpe, storico player IT di Malnate (Varese), salvaguardando 100 posti di lavoro, altrimenti destinati alla cassa integrazione.

Autore: Redazione
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore