Yashi: occhi a mandorla, cuore italiano

Strategie

Yashi è una realtà giapponese che in Italia ha un Responsabile della
progettazione
, Massimo Corsi, in grado di costruire
computer e server su misura, grazie a un configuratore online che aiuta il
rivenditore a determinare anche il giusto prezzo. E con un programma di canale
estremamente organizzato

Due realtà giovani, dinamiche e molto vicine quella di Yashi Computer e del
distributore di riferimento Exon Italia. Tanto vicine che la sede del produttore
è all’interno di quella del distributore. E la collaborazione continua fra
Massimo Corsi responsabile della progettazione Yashi e Massimiliano
Marino, responsabile marketing Exon
, ha dato vita a un modello di
business molto flessibile in grado di seguire molto bene i consumatori e la
piccola e media impresa italiana e i suoi rivenditori. Delineiamo con Massimo
Corsi la strategia dell’azienda.

CRN: che tipo di azienda è Yashi e qual è la sua strategia in Italia?

Massimo Corsi
: Yashi è un’azienda giapponese;in Italia è composta da 5
persone dall’assistenza al supporto tecnico. Esiste anche una parte progettuale
svolta da me e da un responsabile tecnico, cosa che ci permette di essere
veramente vicini ai nostri clienti. Oltre a Exon, con cui abbiamo un rapporto
privilegiato, abbiamo anche altri due distributori che svolgono un ruolo minore
ma non per questo meno importante.

CRN: Fino a che punto si spinge la progettazione?
M.C.:
Abbiamo una libertà veramente vasta perché noi acquistiamo il
barebone ed è ampiamente personalizzabile. Noi progettiamole macchine per il
mercato italiano,il progetto viene mandato in sede e se viene approvato, i
prodotti vengono messi in pre-fabbricazione e poi ultimati a seconda delle
richieste del rivenditore.

CRN: In che modo il cliente ha modo di personalizzare il proprio
prodotto?
M.C.:
Il cuore di tutto è il sito
(www.yashiweb.com), la cui parte centrale
è costituita da un configuratore online, ideato un po’ sulla base di quello di
Dell, in cui il cliente può modificare il prodotto in base alle proprie
esigenze. Il cliente finale che non è registrato otterrà il prezzo al
dettaglio,e potrà usarlo come preventivo prima di andare in negozio, perché noi
vendiamo solo attraverso il canale. I nostri partner otterranno il prezzo a loro
dedicato,ma il dealer viene aiutato anche a dare il prezzo giusto per la propria
clientela:noi ne suggeriamo uno in base all’andamento del mercato che varia
costantemente,suggeriamo anche il prezzo consigliato se uno vuole fare una
promozione, naturalmente ognuno è libero di variare come vuole. I rivenditori
fidelizzati hanno ancora un altro prezzo. Il punto di forza del nostro
configuratore sta in una possibilità di personalizzazione veramente ampia.
Inoltre il cliente finale può trovare sul sito l’elenco dei nostri rivenditori o
contattarci per avere informazioni, mentre il rivenditore può trovare al nostro
indirizzo tutte le informazioni per diventare nostro partner e sfruttare al
meglio la sua certificazione.

CRN: Com’è organizzato il vostro programma di canale?
M.C.:
Abbiamo due tipi di fidelizzazioni:commerciale, per chi vende o
distribuisce i prodotti, e tecnica. In questo caso il partner si occupa dei
servizi e dell’assistenza, diventa il nostro braccio destro sul territorio. Per
esempio se vinciamo una gara di appalto in Sicilia,sarà il partner a occuparsi
dell’installazione e dell’assistenza. Questi partner hanno un programma che
prevede una serie di premi al raggiungimento di alcuni obiettivi, mentre i
partner commerciali vengono premiati con una serie di rebate, in base alle
vendite. Periodicamente organizziamo per loro dei corsi di aggiornamento,
ultimamente ne abbiamo fatto uno per informarli su Windows Vista,un argomento
decisamente d’attualità. Siamo partner Gold di Microsoft, oltre che partner di
Intel e Amd, e da tempo stiamo testando prodotti e componenti Vista capable, in
modo da essere sicuri di non avere problemi con i nostri clienti.