Accenture: il dato del personale è sacro ma molte aziende non sono attente

Mercato

Da uno studio Accenture emerge che, sebbene oltre sei dirigenti intervistati su dieci attestino l’utilizzo in azienda di nuove tecnologie per la raccolta di dati sul personale e sul lavoro allo scopo di ottenere informazioni di valore pratico meno di un terzo si dichiara certo che i dati vengano utilizzati in maniera responsabile

I dati del personale vanno trattati attraverso strategie di gestione responsabile. Lo dice un nuovo report di Accenture Strategy “Decoding Organizational DNA”, basato su una ricerca qualitativa e quantitativa a livello globale effettuata tra 1.400 quadri direttivi e 10mila dipendenti in 13 settori industriali.

Dallo studio emerge che, sebbene oltre sei dirigenti intervistati su dieci attestino l’utilizzo in azienda di nuove tecnologie per la raccolta di dati sul personale e sul lavoro allo scopo di ottenere informazioni di valore pratico (dalla qualità del lavoro alle modalità di collaborazione tra il personale, fino alla sicurezza e al benessere di quest’ultimo), meno di un terzo si dichiara certo che i dati vengano utilizzati in maniera responsabile.

Inoltre, più della metà dei dipendenti ritiene che l’utilizzo di nuove fonti per raccogliere dati sul personale rischi di minare la loro fiducia, e il 64 percento, a causa dei recenti fatti di cronaca relativi all’uso improprio di dati, si dichiara preoccupato dal fatto che anche i propri dati possano essere a rischio. La buona notizia è che il 92 percento dei dipendenti è favorevole alla raccolta di dati riguardanti la propria persona e il proprio lavoro, a patto che questo porti a un miglioramento del proprio rendimento o benessere, o ad altri benefici individuali. Oltre sei dipendenti su dieci sarebbero disposti a fornire i dati relativi al proprio lavoro in cambio di un sistema di remunerazione, incentivi e benefici più personalizzato, mentre il 61 percento lo farebbe in cambio di opportunità di apprendimento e sviluppo più mirate.

fonte: Accenture

Il report mostra come, a livello globale, la posta in gioco per le grandi aziende sia rappresentata da una crescita futura del fatturato per 3,1 mila miliardi di dollari, proporzionalmente agli effetti che le strategie di gestione dei dati raccolti sul personale avranno sulla fiducia dei dipendenti. Le aziende che implementano strategie di gestione responsabile dei dati potrebbero vedere crescere il proprio fatturato fino al 12,5 percento in più rispetto alle aziende che non lo fanno.

“In un’epoca in cui le nuove informazioni ricavate dai dati sul personale vengono impiegate dalle aziende come mezzo per promuovere una crescita di valore, una leadership responsabile è fondamentale per instaurare un rapporto di fiducia con i dipendenti”, ha dichiarato Marco Morchio, Accenture Strategy Lead Italia.La fiducia è la valuta più preziosa: conduce all’innovazione e alimenta la crescita liberando il potenziale del singolo”.
La risposta dei responsabili aziendali alla sfida dei dati sul personale è tutt’altro che unitaria. Circa un terzo (il 31 percento) dei dirigenti intervistati ha dichiarato di stare contenendo, rispetto a quanto desiderato, gli investimenti in tecnologie di raccolta dei dati sul personale, per via della sensibilità dei propri impiegati; circa lo stesso numero (il 32 percento) dichiara invece di stare comunque investendo, impegnandosi a elaborare strategie di condotta responsabile all’emergere di problemi.

“I dirigenti si affacciano a una nuova era di dati sul personale sprovvisti delle strategie e degli strumenti necessari per promuovere la crescita del fatturato attraverso lo sviluppo di una maggiore fiducia digitale”, ha commentato Stefano Trombetta, che guida la divisione Talent & Organization di Accenture Strategy in Italia. “Ma i responsabili aziendali possono adottare misure proattive che migliorino il potenziale dei dipendenti generando al contempo nuovo valore per l’impresa. Possono condividere la responsabilità per l’utilizzo dei dati sul personale, co-creare nuovi sistemi con i propri impiegati, e dare a questi ultimi maggiore controllo sui propri dati. Questo approccio responsabile rafforzerà la resilienza e l’agilità della forza lavoro e aiuterà le aziende a farsi strada tra gli ostacoli in un’epoca di estrema competitività e volatilità”.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore