Adobe sperimenta il noleggio online sulla nuova Creative Suite 6

News
Aktive Reply diventa Adobe Specialized AEM Partner

Con un canone mensile di 61,49 euro (Iva inclusa) il singolo utente acquisisce il diritto di scaricare sul proprio pc 12 programmi principali di Adobe e utilizzarli per un anno al termine del quale decide per il rinnovo

Le novità più importanti Adobe Creative Cloud, questo il nome dell’offerta, ci sembra una proposta che ben si sposa proprio con le esigenze delle piccole e piccolissime realtà italiane. Si arriva allora alle novità tecniche, tra cui spiccano, trasversali ai programmi: notevole attenzione per poter declinare i contenuti su diverse tipologie di device con un minimo sforzo (iPhone, iPad, Android 10″ e Kindle Fire) e l’engine Mercury in grado di sfruttare al meglio le schede grafice Open Gl, come tutta la piattaforma Cuda; il pieno supporto per le piattaforme a 64 bit, e tanti strumenti per facilitare il lavoro in ogni programma. Se si parla di cambiamenti di rilievo, proprio a livello di interfaccia, è Premiere Pro il software che più si presenta rinnovato e semplificato, quattro le grandi aree di lavoro, la pletora di pulsanti che rendeva confuso l’ambiente scomparsa, ma richiamabile tra le personalizzazioni (oppure sfruttando la tastiera).

Nelle quattro aree di lavoro sono posizionati: il video sorgente in alto a sinistra, quello elaborato in alto a destra, il repository con le clip in basso a sinistra e la timeline in basso a destra. Si nota anche la possibilità di applicare una modifica alle clip sulla timeline valida per tutte le clip sfruttando Adjustement Layer. Photoshop CS6, in estrema sintesi, guadagna lo strumento Adaptive Wide Angle, per raddrizzare le linee nel caso di utilizzo di obiettivi con focale grandangolare spinta, come i fish-eye, con un risultato di prospettiva gradevole e l’eliminazione di buona parte delle curvature, inoltre sono stati migliorati sensibilmente i filtri di sfocatura.

InDesign e Dreamweaver, giusto per tornare all’impegno di Adobe per rendere semplice il passaggio attraverso la pubblicazione su diversi device, sono in grado di modulare la disposizione del contenuto a seconda della diagonale del device, procedendo in automatico a una riduzione delle colonne, oppure ancorando, a piacere dell’utente, determinati contenuti perché mantengano un posizionamento fisso (per esempio nel caso dei titoli e delle foto in relazione al testo).

Per un veloce assaggio delle novità concludiamo con la soluzione ad effetto che ovviamente è una chicca di After Effects: con Camera Tracker il software è in grado di memorizzari i punti planari del movimento effettuato dalla macchina da presa per poi agganciarvi oggetti tridimensionali inseriti dall’esterno che seguono il movimento di camera. Più facile fare un esempio: pensate a una navicella di Guerre Stellari che va verso un punto all’infinito con le vostre scritte in 3D che si adattano al movimento della macchina da presa.

George Lucas all’epoca ha certamente fatto più fatica. In tutto i software proposti da Adobe nella versione CS 6 sono 14 e le Creative Suite disponibili sono 4: Adobe Creative Suite 6 Design & Web Premium, Adobe Creative Suite 6 Design Standard, Adobe Creative Suite 6 Production Premium e Adobe Creative Suite 6 Master Collection. Ricordiamo che la versione a noleggio comprende tutti i software. Conosci davvero il mondo dei tablet? Prova a rispondere al nostro QUIZ

no images were found

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore