Andrea Scozzoli, Chief Corporate Development di Unieuro, è il nuovo Presidente di Aires-Confcommercio

Mercato
retail, gdo, gds, consumer electronics@shutterstock

Scozzoli, neo presidente Aires-Confcommercio, ha puntato il dito contro la scorrettezza sulla concorrenza e la necessità di intervenire portando alla luce dei consumatori le vere motivazioni sulle differenze di prezzo di uno stesso prodotto

Andrea Scozzoli, Chief Corporate Development di Unieuro, è stato nominato nuovo Presidente di Aires-Confcommercio per il triennio 2018/2020. Scozzoli è partito in quarta mettendo subito in chiaro che la difficoltà che sta attraversando il comparto dell’elettronica di consumo non è da ricercarsi nella concorrenza, che lo stesso neo presidente, nel comparto da un quarto di secolo, conosce bene, quanto piuttosto nella concorrenza combattuta ad armi impari.

E qui, è giocoforza pensare al caso delle vendite sottocosto online, che in più occasioni, come ha sottolineato a questa testata lo stesso direttore generale Davide Rossi sono additate come quella concorrenza che gioca ad armi non pari. E’ per questo che, sempre lo stesso Rossi, ha chiesto alle istituzioni di essere ascoltato e intervenire regolamentandone i comportamenti.

Andrea Scozzoli

“Ora elemento nuovo è quello di cercare di capire dove gli elementi di concorrenza avvengono in maniera scorretta, illegale o sleale. Negli ultimi anni – spiega Scozzoli – i competitor sono cambiati e oggettivamente sono problematici perché combattiamo ad armi impari. Come Aires dovremo arrivare a comunicare questo alle istituzioni ma dobbiamo anche comunicare ai consumatori che stiano realizzando un acquisto consapevole. E’ chiaro che il consumatore sarà allettato da un prezzo più basso, ma sapere, portarlo a conoscenza dei motivi per i quali ci sono queste differenze di prezzo, sono convinto che qualche risultato lo si otterrà, oltre al fatto che, così facendo, valorizzeremo il nostro comparto”, dice Scozzoli, il quale sa di raccogliere un testimone definito “scottante, impegnativo”.

Scozzoli raccoglie il testimone che fu nelle mani di Alessandro Butali, Presidente di Euronics e Amministratore Delegato della Butali Spa, dal 2013 che ha spiegato “È stato per me un onore essere il portavoce delle aziende del nostro settore, riconosciute ed apprezzate per il loro dinamismo commerciale, per la professionalità e la competenza di tutti gli addetti dai vertici alla base, per la capacità di portare innovazione nelle nostre Imprese e nel Paese. Siamo consapevoli di alcune situazioni di crisi e siamo vicini a coloro che stanno vivendo momenti difficili, ma dico a tutti di non guardare con timore al futuro. Stiamo tutti lavorando, silenziosamente ma con il massimo impegno, per trovare soluzioni e nuovi sentieri di crescita. Sono certo che Andrea, con la sua energia, visione e saggezza, saprà conciliare le diverse esigenze per il raggiungimento dei migliori risultati per il nostro comparto”.

Alessandro Butali

Scozzoli si sofferma sui temi importanti che hanno caratterizzato negli ultimi anni l’associazione. Si parla dei Raee, sui quali Scozzoli ricorda come in quell’occasione la distribuzione fu tenuta fuori dal tavolo delle consultazioni e ora si sta cercando di recuperare; sul Gdpr, “stiamo alzando la voce, stiamo cercando di essere proattivi a livello legislativo proponendo un codice di comportamento che il settore vuole tenere e dare in ottemperanza a quanto prevedono le norme sul Gdpr”, infine sul modem libero per i quali Aires, come le altre associazioni che hanno battuto e stanno battendo i pugni a Roma, l’associazione di aspetta una decisione positiva.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore