Carnevale (G Data): nuovi trend di mercato chiamano la sicurezza, il canale intenda

Strategie

Paola Carnevale, Sales & Channel Director di G Data Italia, racconta le novità aziendale e per i partner. I nuovi trend di mercato vogliono novità anche in ambito sicurezza e il canale non può essere impreparato. Al via dal prossimo anno un nuovo programma per Msp

Trend di mercato che hanno interrogato G Data e fatto in modo che anche i partner di canale, che collaborano con il vendor specializzato in sicurezza, si interrogassero su quanto sta succedendo. Trend di mercato, driver di innovazione, smartworking, fabbrica intelligente, Industria 4.0, sono questi gli ambiti sui quali G Data ha sentito la necessità di rielaborare la domanda di tecnologia e di condividerla con i propri partner e rivenditori. L’IoT, il cloud, la fruibilità “as a Service” di qualsiasi cosa, dal desktop (DaaS) alle applicazioni (SaaS) alle piattaforme (PaaS) fino alle infrastrutture (IaaS), hanno generato nuovi desiderata in termini di accesso ai servizi di sicurezza, che il canale è ancora parzialmente impreparato ad affrontare. Questo quanto rilevato da Paola Carnevale, Sales & Channel Director di G Data Italia, durante la serie di eventi “Innovation Road“ la cui ultima tappa è prevista per il 20 novembre 2018. 

Incontrata a Smau Milano 2018, Carnevale ha raccontato questa ‘revisione’ e le novità che hanno e che stanno comportando per il e sul canale. 
Come organizzano questa rivoluzione industriale 4.0 e che tipo di proposta possono fare i rivenditori che arrivando con un background tradizionale si trovano di fronte un comparto tecnologico tutto nuovo? Le aziende clienti finali, dalle Pmi alle grandi industrie, stanno vivendo al loro interno una sorta di rivoluzione industriale e noi, da operatori ci domandiamo come si devono organizzare o rivoluzionare i partner per intercettare questi cambiamenti. E’ nostra responsabilità – spiega Carnevale – fornire uno strumento valido per organizzare una nuova offerta in linea con le esigenze della nuova smart factory”.

Symbolic rinnova accordo distributivo con CodeSealer
I nuovi trend di mercato chiamano nuove capacità in ambito sicurezza

G Data propone quindi un sistema di cybersecurity intelligente. Carnevale sottolinea come in Italia, le aziende gestiscano i problemi una volta accaduti i fatti e non preventivamente e per questo, il prodotto che ha lanciato e che si colloca sotto il cappello della cybersecurity intelligente è il G Data Total Control che non gestisce solo la sicurezza dal punto di vista degli antivirus ma si allarga alla gestione delle vulnerabilità delle patch che sono il cruccio delle imprese italiane. Di fatto, quindi, la società ha allargato il raggio d’azione sulla sicurezza informatica che va a toccare ambiti nuovi quali per esempio gli smartphone aziendali, quindi le patch e il network monitoring per le criticità della rete. “La nostra missione, come vendor che fa della propria vicinanza al mercato una vera e propria strategia, è quella di proporre al canale strumenti per rispondere a queste esigenze” afferma Carnevale.

G Data Managed Endpoint Security si è rivelato il prodotto più ricercato dagli operatori di canale che desiderano accedere al mercato dei servizi gestiti erogati via cloud come dagli MSSP intenzionati a completare il proprio portafoglio servizi. “Abbiamo deciso di sostenere in due modi” aggiunge Carnevale. “In primis, lanciando a Smau un partner program ad hoc per chi eroga i servizi di sicurezza gestita, che ben si discosta dal modello di programma di canale tradizionale per quanto riguarda certificazioni, listino ed erogazione di eventuali bonus e posa le sue fondamenta sulla nostra intenzione di aiutare davvero il canale a crescere” spiega Carnevale, “in secondo luogo rendendo ´multitenant´ anche la nostra console di gestione delle soluzioni business G Data tradizionali, una nuova funzionalità che sarà disponibile con le nuove release previste per il prossimo anno”.

Il nuovo programma che si affianca al tradizionale programma è orientato alle nuove figure di Msp e, “attraverso un sistema di crediti porteremo come obiettivo la possibilità per i rivenditori di puntare sulla visibilità, supporteremo alcune attività di comunicazione per dare maggiore energia al loro core business. Tutto questo – precisa Carnevale – scardina l’idea del classico rebate, del margine, dello sconto per inserire invece un sistema di credito su una proposta di target. G Data sosterrà il rivenditore con attività programmate nell’anno, studieremo un pacchetto di comunicazione e marketing entro il primo trimestre del 2019”, chiude Carnevale.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore