Commvault, quando il GDPR fa bene al business dei partner

News
Da Fujitsu nuovi servizi aziendali per il GDPR europeo

Commvault ha evidenziato un incremento delle attività dell’ecosistema globale di partner di canale a seguito delle implementazioni di Commvault Data Platform come soluzione per l’adeguamento al GDPR

Commvault ha evidenziato un costante incremento delle attività del proprio ecosistema globale di partner di canale a seguito delle implementazioni di Commvault Data Platform come soluzione base per l’adeguamento al General Data Protection Regulation (GDPR).

Molte aziende stanno affrontando la sfida della conformità. Nella recente ricerca di Commvault “Measuring IT’s Readiness for Digital Business”, realizzata su 1.200 tra executive e staff IT, oltre il 60% degli intervistati ha indicato di avere accesso a meno della metà dei dati della propria azienda. I risultati di TechValidate indicano che, per quanto riguarda la gestione delle informazioni personali, che solo il 18% delle aziende ha la capacità di rispondere alle domande di eliminazione dei dati da tutti gli archivi, un processo che potrebbe essere richiesto da qualsiasi soggetto operante nei mercati dell’Unione Europea a partire dal 26 maggio. Un numero ancora inferiore, solo l’8%, ritiene di essere in grado di raccogliere ed esportare i dati dalla loro organizzazione a luoghi di terze parti su richiesta.

Questi fattori hanno permesso un incremento delle attività dei partner Commvault nei progetti strategici di gestione e protezione dei dati.

La complessità delle sfide IT e di business rappresentata dal GDPR ha permesso ai partner Commvault di aumentare il proprio impegno e valore rivolti ai clienti. Commvault Data Platform ha integrato le offerte di framework applicativi, capacità e servizi su misura, per aiutare le aziende a proteggere e gestire i dati su tutti i workload (on premise, hybrid, cloud e ambienti intermedi). In questo modo i clienti Commvault possono ottenere maggiori dettagli sui dati per la conformità, eDiscovery e una serie di altre funzionalità legate alla digital transformation, inclusa la compliance al GDPR e ad altre normative.

“Il GDPR rappresenta per i partner una grande opportunità di condurre i clienti nel loro percorso di compliance, a supporto di iniziative fondamentali di data management”, spiega Carla Arend, Senior Program Director, European Software and Infrastructure Research di IDC.Scegliere un vendor con approfondite competenze tecniche oltre a una chiara visione di come la propria tecnologia si applichi in modo appropriato in tema di GDPR è importante per i partner, perché possano creare e far crescere le loro competenze specifiche. Per i partner, l’opportunità del GDPR varia tra il supporto ai clienti perché raggiungano la compliance fino all’identificazione di nove opportunità di business sulla base di questa stessa compliance.”

Symbolic rinnova accordo distributivo con CodeSealer
GDPR

La nuova applicazione Commvault Sensitive Data Governance (SDG), annunciata nel corso di Commvault Go 2017, è la prima componente di una serie creata per rispondere a diversi casi di utilizzo di governance. Offerta standalone che non necessita di altre soluzioni Commvault, SDG semplifica le best practice di assessment e amministrazione dei rischi nella gestione di dati sensibili, a partire da file server ed endpoint, con un unico set di strumenti. SDG consente diverse funzioni critiche tra cui:

• Rilevare dati personali e sensibili in archivi di dati non strutturati, per supportare la validazione dell’analisi manuale e scoprire eventuali incongruenze
• Profilazione dei rischi che aiuta a definire le priorità nei piani di mitigazione, in caso di sovraccarico dei dati.
• Pulizia proattiva dei dati personali non necessari, direttamente dalla fonte e di ogni copia di backup.
• Processi di revisione e approvazione per supportare le unità IT e di business a prendere decisioni congiunte, a supporto delle analisi e dei diritti dei soggetti interessati (inclusi accesso ed eliminazione, diritto all’oblio).
• Risoluzione automatizzata delle azioni realizzate su richiesta degli interessati, con audit completi per comprovare la conformità.
• È disponibile in modalità stand-alone, senza necessità di implementare altre soluzioni Commvault

Scott Strubel, Head of Worldwide Channels di Commvault, sottolinea: “Il canale ha un’opportunità reale di assumere un ruolo fondamentale per supportare le aziende a raggiungere la conformità al GDPR anche dopo il 25 maggio. La collaborazione con noi e l’utilizzo della protezione avanzata garantita da Commvault permette ai partner non solo di accrescere le loro vendite, ma soprattutto di costruire rapporti di fiducia e a lungo termine con i clienti.”

 

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore