News

E-Mail 'Eito: per un IT che cresce (poco), ci sarà un Ict fermo al palo nel 2010' To A Friend

Email a copy of 'Eito: per un IT che cresce (poco), ci sarà un Ict fermo al palo nel 2010' to a friend

* Required Field






Separate multiple entries with a comma. Maximum 5 entries.



Separate multiple entries with a comma. Maximum 5 entries.


E-Mail Image Verification

Loading ... Loading ...
0

Il 2010 non sarà ancora l’anno della ripresa dell’Itc (ma per l’IT è segno più), ma la notizia buona è che il mercato Ict si stabilizzerà. La notizia cattiva è che i mercati IT, Tlc e Consumer Electronics, se da un lato si stabilizzeranno interrompendo il crollo, dall’altro lato registreranno nel 2010 un lieve calo dello 0.5% contro la flessione del 2.2% del 2009. Lo riporta l’ultima previsione di Eito.

Insomma un mercato Itc e dell’elettronica di consumo, fermi al palo nel 2010: si passerà dai 718 miliardi di euro del 2009 ai 714 miliardi di euro del 2010.

Eito stima però che il mercato IT (IT hardware, software e servizi IT) tornerà a crescere dello 0.6%, sorpassando i 300 miliardi di euro. Lontano dall’incremento del 3% del 2008. Il fatturato derivante dai servizi in outsourcing nel 2009 cresceranno invece nel 2009 del 4% a quota 66 miliardi di euro.

Le Tlc nel 2009 registreranno la flessione più contenuta, dello 0.7% a quota 361 miliardi di euro. Il fisso è in continua discesa da anni, ma il boom dei servizi dati ha rivitalizzato il mercato. Invece le vendite di cellulari e infrastrutture di rete scenderà del 4% a quota 65.5 miliardi di euro nel 2009.

A soffrire maggiormente è il mercato dell’elettronica di consumo nel 2009. Con i prezzi in discesa delle Tv flat, delle fotocamere e dei sistemi di navigazione satellitare, EITO prevede che la spesa 2009 crollerà dell’8% a quota 58.5 miliardi di euro. Anche nel 2010 non si prevede ripresa, ma la caduta sarà del 6%.