Iva, reverse charge nel mirino dell’incontro a Bruxelles con Optime

News

Optime è protagonista a Bruxelles al “Workshop on Online Sales of Non-Compliant Products”, con una relazione tenuta da Davide Rossi, presidente, dal titolo: “Market Surveillance of online sales: the filed experience of observatory Optime in Italy”

Optime, Osservatorio per la Tutela del Mercato dell’Elettronica in Italia, è protagonista a Bruxelles al “Workshop on Online Sales of Non-Compliant Products”, con una relazione tenuta da Davide Rossi, presidente, dal titolo: “Market Surveillance of online sales: the filed experience of observatory Optime in Italy”.

L’incontro è un importante momento di analisi e confronto tra varie esperienze finalizzato a mettere a fuoco le misure da adottare affinché anche nelle vendite online siano rispettate le norme di conformità, le direttive ambientali e tutte le regole sulla sicurezza.

Davide Rossi

Una particolare attenzione è dedicata al tema dell’IVA e della applicazione della reverse charge alle vendite tramite le piattaforme di Marketplace.

Oltre a Optime e a rappresentanti delle realtà imprenditoriali e consortili facenti parte di EucoLight, saranno presenti relatori di primo piano della Commissione UE, tra essi Hans Ingels (DG Growth) che parlerà del tema della sorveglianza del mercato e Bettina Lorz (DG Environment) che analizzerà la conformità dei mercati online con la legislazione ambientale.

Tematiche queste, tutte molto vicine alle linee guida che hanno ispirato la nascita dell’Osservatorio Optime.

“Un ringraziamento particolare a Ecolamp che ha creato le condizioni perché Optime potesse venire invitata a portare la propria testimonianza e le proprie proposte in questa sessione di lavori di altissimo livello. La crescita vertiginosa dell’e-commerce rappresenta una grande opportunità per imprese e consumatori, ma allo stesso tempo implica rischi senza precedenti: Optime è un’iniziativa congiunta che raggruppa produttori, rivenditori (online e offline), consorzi di Raee e altre parti interessate che lavorano insieme per creare consapevolezza, indagare sulle anomalie e supportare le attività di repressione da parte delle Autorità competenti.
Essere presenti a questo incontro dimostra che, nonostante la recente costituzione, la Federazione Optime è già riconosciuta anche a livello internazionale come organismo autorevole, e forse anche come esempio di una collaborazione possibile tra tutti i player della filiera che si riconoscono nei valori imprescindibili della legalità e della concorrenza leale tra imprese”, commenta Rossi.

Read also :
Autore: Channelbiz
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore