Mondo retail? Nuova vita più oculata, sostenibile e programmazione economico-finanziaria

Retail

Maurizio Riccardi, architetto laureato con lode al Politecnico, esperto del settore delle costruzioni nel mondo retail e autore del volume “Costruire con il cuore” sottolinea come oggi, per gli imprenditori “è fondamentale la progettualità per tenere conto di diversi fattori, dal ritorno dell’investimento alla sostenibilità finanziaria”

Il settore delle costruzioni sta vivendo una fase di trasformazione dovute soprattutto alla mancata ripresa degli investimenti che hanno fatto cadere il fatturato complessivo e ridotto i margini per gli operatori del settore. Qualche segnale positivo si è visto nel settore Retail che ha modificato il modo di operare sia da un punto di vista finanziario sia di sostenibilità dell’opera.

Maurizio Riccardi, architetto laureato con lode al Politecnico, esperto del settore delle costruzioni nel mondo retail e autore del volume “Costruire con il cuore”, disponibile tramite Amazon, ha voluto raccontare la sua.

“Il 2019 è stato caratterizzato dall’apertura di Starbucks in Italia, un evento mediaticamente importate per tutti i consumatori e per noi addetti ai lavori la conferma che il mondo del retail, inteso come centri commerciali, singoli punti vendita, grandi store, ha definitivamente cambiato pelle e si sta avviando verso una nuova vita, fatta di oculatezza, programmazione economica-finanziaria e di sostenibilità. Prima gli imprenditori del settore erano abituati ad andare in banca, chiedere i soldi necessari per la costruzione e procedere, vedendo giorno dopo giorno il da farsi. Oggi invece è fondamentale la progettualità per tenere conto di diversi fattori, dal ritorno dell’investimento alla sostenibilità finanziaria”, sottolinea.

Maurizio Riccardi – Costruire con il cuore

Riccardi è persona “informata dei fatti”, considerato che ha seguito in prima persona come project manager e responsabile dell’intero processo, numerosi shopping center, ultimi, in ordine di tempo, l’Archimede a Siracusa, l’Aura a Roma, l’Adigeo a Verona, il Forum a Palermo e i Petali al Mapei Stadium di Reggio Emilia. “Da un punto di vista progettuale – continua Riccardi – per far si che un nuovo shopping center sia economicamente e finanziariamente sostenibile è necessario programmare tutto il processo in maniera dettagliata e coordinata, anche con l’aiuto di strumenti digitali come software dedicati, e avere così il quadro della situazione sempre molto chiaro ed aggiornato. In una parola, efficientamento. In questo contesto, la centralità dell’essere umano ritorna ad essere fondamentale sia nel progetto sia nella realizzazione dell’opera che impone tempi sempre più brevi a fronte di interlocutori sempre più attenti al risultato. Un nuovo shopping center inoltre può essere considerato come un volano per l’edilizia, considerando che oltre a realizzare la struttura in sé, sono necessarie le opere di urbanizzazione e quindi nuove strade, ponti, scuole, ecc. Da non sottovalutare poi che il refurbishment o la realizzazione ex novo di un centro commerciale, è un polo attrattivo per la città che può attrarre nuovi investimenti anche per business paralleli, anche esterni”.

E sul futuro? L’architetto Riccardi non ha dubbi: “Ci sarà sempre più un mix tra tradizionale e online, negozi vetrina dove provare i vestiti e poi farseli recapitare a casa o in punti di ritiro definiti, grazie a codici alfanumerici che consentono di riconoscere l’ordine. Per i negozi diventerà sempre più difficile competere sulla sola offerta di prodotti con gli store online e per questo dovranno trovare forme alternative di vendita. È recentissima la notizia della decisione di Abercrombie di chiudere il famoso store di San Babila a Milano, a causa di una riduzione degli incassi a favore dell’online. Per non fare la stessa fine è importante anticipare i tempi e guardare al futuro in anticipo.”

Le costruzioni? “Un settore sempre più professionale dove gli operatori e gli investitori si troveranno a “fare i conti”.”

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore