Osler (Wildix): l’espansione delle UC&C farà sparire i system integrator

News

Stefano Osler, ceo di Wildix, commenta l’andamento del mercato delle UC&C, in particolare nel cloud, alla luce dei nuovi managed service provider che stanno già facendo la differenza sul mercato

Una spinta decisa, in particolare, le UC&C basate su Cloud che beneficeranno di una accelerazione, dall’IT alle TLC passando per l’Healthcare e la Pubblica Amministrazione. Secondo l’istituto di ricerche ReportsWeb le previsioni fanno bene sperare per i prossimi anni. “Nel 2019 il mercato delle UC&C vedrà l’inizio della fine di una categoria, quella dei system integrator. Non lo dico io ma i numeri. Il nuovo paradigma introdotto da internet prevede che beni e servizi arrivino direttamente al consumatore. È l’effetto Amazon: si elimina la mediazione tra domanda e offerta”, ha affermato Stefano Osler, CEO di Wildix. Per questo i system integrator che finora hanno svolto la funzione di rivenditori di prodotti altrui non hanno più ragione di esistere. Ed esisteranno sempre meno”.

In questo scenario il compito – e la sfida – di Wildix sarà salvare queste aziende di system integrator e accompagnarle nella trasformazione in Managed Service Provider. Il mercato sarà sempre più in mano a questi nuovi professionisti, che vendono soprattutto le proprie competenze as a service e in quest’ottica Wildix lavorerà per formare MSP e renderli autonomi grazie alle proprie tecnologie e competenze.

Rispetto all’anno precedente Wildix è cresciuta del 46%. Il mercato con l’incremento maggiore è quello statunitense. Questo perché quella regione era in mano ai cosiddetti Walking Dead Vendors che proprio in Usa sono nati. E proprio nella loro patria sono meglio conosciuti per quello che sono: zombies. “La risposta del mercato USA ha dato anche tanti nuovi stimoli. Infatti, proprio dagli Stati Uniti stiamo imparando molto; ogni giorno riceviamo e raccogliamo molti spunti su cui lavorare per migliorare la nostra azienda e la nostra offerta”, dichiara Osler che preannuncia l’imminente primo UCC Summit di Barcellona che si terrà i prossimi 18 e 19 febbraio.

Stefano Osler

Nel mercato delle Unified Communication & Collaboration è in atto il cambiamento da sistemi on premise a quelli as a service. I clienti finali cercano tecnologie in grado di creare valore per le loro aziende, mentre i system integrator dalla vecchia mentalità sono ancora convinti di sopravvivere vendendo centralini.

“In realtà la domanda oggi è di tecnologie in grado di portare vantaggi e valore. Per questo il nostro mercato non potrà mai appiattirsi diventando mercato di commodities”, prosegue Osler. “Se, ad esempio, consideriamo i carrier, i loro prodotti sono commodities e continuerà il processo di consolidamento dei grandi operatori che cannibalizzeranno i piccoli. I clienti finali compreranno da carrier sempre più grandi, ai quali non importa portare valore al cliente tramite il loro prodotto”.

Non funziona così per le UC&C, che al contrario dei carrier diventeranno un settore di Managed Service Provider sempre più specializzati.

Per questo Wildix crede nella formazione come elemento in grado di dare un vantaggio competitivo anche ai propri partner e, sempre per questo, l’azienda ha creato UNICOMM, un percorso formativo che riguarda il processo del valore, dalla sua creazione in fase di vendita – value selling – alla sua consegna al cliente nel più breve tempo possibile – secondo il metodo kanban.

“Questo finora ci ha portato un vantaggio strategico e operativo. Non solo a noi ma anche agli MSP, ex system integrator che hanno imparato a dare ai loro servizi quel valore che i carrier ignorano”, commenta Osler.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore